ROMA – Presso il laghetto dell’Eur, l’Etruria Dragon ha confermato lo stato di grazia e ha dimostrato di essere tra le prime imbarcazioni d’Italia anche nelle categorie di età over 40 e 50.

Un argento negli open over 50, un bronzo nel misto stessa categoria e un bronzo nell’open over 40, questo il bottino della squadra della Tuscia alle gare su small boat ( a dieci atleti). La manifestazione era riservata alle gare su imbarcazioni composte da dieci atleti (small boat) e gli atleti della nostra provincia hanno fatto il loro dovere. Unica recriminazione il podio mancato di un soffio dal femminile…Ma tutto è ok conferma l’allenatore Carlo Cagnucci :”con pochissimi allenamenti, causa maltempo e tramontana da sempre nostra bestia nera, siamo riusciti a competere con squadre molto più in forma. Col presidente Alcide Moschini e il timoniere già allenatore Roberto Carelli eravamo un po’ scettici e consideravamo queste gare propedeutiche per il futuro…stiamo infatti costruendo la squadra femminile da venti per lo standard boat con l’innesto di alcune atlete di Civitavecchia…Ma ecco che siamo lì ancora tra i primi…Dopo le conferme di Alessandra Siniscalchi (di Tarquinia), Maria Letizia Meggiorini ed Emilia Denaro, abbiamo inserito stavolta anche Karem Bermeo , Luisa Panzadoro, Teresa Stampella, Cinzia Forzano e Stefania Pepi di Civitavecchia. Cinzia e Stefania sono arrivate a podio col misto over 50 (misto composto da 6 uomini e 4 donne), ma c’è gloria per tutte perché quando un gruppo spinge in questo modo col suo entusiasmo, si raggiungono risultati veramente notevoli.

Queste ragazze si sono allenate con noi pochissime volte, e hanno dovuto adattarsi velocemente alle nostre esigenze atletiche…Tuttavia in pochissimo tempo con entusiasmo hanno raggiunto un livello di preparazione ottimale. Mentre abbiamo già un misto completo e un open da 20, il sogno è quello di veder pagaiare 20 atlete tutte sulla stessa barca…Non dubitiamo di riuscirvi”.

dragon-boat

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email