Una giornata dedicata alla passione sportiva più spontanea e coinvolgente, quella delle migliaia di bambini e di ragazzi che ogni anno partecipano ai Campionati Nazionali Libertas.
È questo il senso profondo dell’evento organizzato da Libertas lo scorso venerdì 25 novembre allo Stadio
Olimpico di Roma per premiare i Campioni Nazionali Libertas 2022, il desiderio di far vivere un momento unico ai ragazzi e alle famiglie, che con il loro impegno e la loro dedizione rappresentano il cuore pulsante del nostro Ente.
“Ho voluto fortemente questo momento per i nostri ragazzi – sottolinea il Presidente Andrea Pantano –. E’ fondamentale infatti testimoniare con i fatti che la Libertas c’è, ed è vicina alle associazioni, agli atleti e alle loro famiglie, con determinazione e riconoscenza per l’impegno e la passione con cui testimoniano ogni giorni i valori più alti dello sport italiano”.
Più di 6000 persone con i colori Libertas hanno invaso l’Olimpico con gioia, manifestando un senso di appartenenza e di amore per la propria disciplina sportiva, che ci ha permesso di festeggiare insieme i risultati raggiunti in un anno di sport, in una location unica e alla presenza delle più importanti istituzioni del mondo sportivo.
Ad accogliere e premiare i 1100 atleti medagliati infatti, oltre al Presidente Pantano, il Ministro per lo Sport e per i Giovani Andrea Abodi, il Presidente di Sport e Salute Vito Cozzoli, il Presidente del Coni Giovanni Malagò, il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Claudio Barbaro e l’On. Marco Perissa.
“Quello che cercherò di fare con tutti i colleghi del Ministero per lo Sport e i giovani, in collaborazione con tutti gli organismi sportivi, è testimoniarvi, non con le parole, ma con i fatti, la nostra vicinanza e il rispetto che vi portiamo, come mondo del volontariato sportivo. Senza il volontariato sportivo non saremmo qui. Non saranno soltanto le medaglie a nobilitare il nostro percorso ma gli uomini e le donne che dedicano la loro vita all’attività sportiva a garantirci la continuità di un settore che per noi è vitale. Io le ho definite infatti “difese immunitarie sociali”. Queste l importanti parole con cui il Ministro Abodi ha voluto raccontare la propria volontà di essere vicino al mondo dell’associazionismo sportivo con concretezza e sensibilità.

Come sempre emozionanti e dirette anche le parole del Presidente Malagò: “Sono felice di essere stato qui con voi, bellissima atmosfera e bellissimo entusiasmo, complimenti ai ragazzi, ai genitori e a questo gruppo meraviglioso. Viva la Libertas, viva il Comitato Olimpico, viva L’Italia!”.
Partecipazione e attenzione allo sport di tutti anche nelle parole del Presidente Cozzoli. “Ci tenevo ad essere qui perché immagino che per voi sia una grande emozione essere allo Stadio Olimpico tutti insieme, ma è per noi una grande gioia vedervi qui, vedere la vostra vitalità. Un motivo di grande incoraggiamento. Io penso che oggi non
abbiate portato a casa solo i risultati di una sfida sportiva ma abbiate vinto una sfida culturale. Perché la Libertas con i suoi atleti, con i tecnici, con i dirigenti porta ogni giorno nel territorio italiano, nelle strade, nei campi sportivi, nelle palestre, il valore dello sport, che significa non lasciare indietro nessuno significa promuovere lo sport per tutti e di tutti. Quindi grazie Andrea per quello che fate”.

Articolo precedenteL’Istituto C.A. Dalla Chiesa celebra la giornata internazionale delle persone con disabilità
Articolo successivoMontefiascone, l’ornato della città lascia a desiderare