VITERBO – Il saltatore viterbese partiva in gara con il 7° accredito con la misura di 1,94, che rappresenta anche il suo primato personale ed era quantomai intenzionato ad aggiungere ancora qualche centimetro, viste le ottime condizioni di forma degli ultimi periodi, anche se il clima viterbese non gli ha mai consentito una allenamento in condizioni ottimali. La gara affrontata quindi con grande determinazione e consapevolezza di poter fare bene, con una serie di salti validi alla prima prova fino (1.80/1.85/1.88), una piccola incertezza a 1.91 (saltato alla seconda) e poi 1.94 al terzo tentativo che lo priva di una posizione migliore di classifica, ma che comunque gli da la soddisfazione del podio. Buoni anche i tre tentativi alla quota di 1.96, soprattutto uno con l’asticella sfiorata in fase di svincolo, che lasciano trasparire i notevoli margini di miglioramento, rimandati ormai alla fase primaverile delle gare Outdoor.

Commenta con il tuo account Facebook