Il Comune di Tarquinia, nel mese di Settembre, ha partecipato con interesse all’incontro con i Sindaci del Comprensorio perché sul tavolo c’era un progetto condivisibile, la riattivazione di una serie di accordi e protocolli intercomunali, con il coinvolgimento di ulteriori istituzioni, mirata a un’azione comprensoriale su più livelli per dare più voce al territorio.

Questo era l’obiettivo dell’incontro tra i Sindaci di Allumiere, Civitavecchia, Monte Romano, Santa Marinella, Tarquinia e Tolfa.

Il comune di Tarquinia non ha potuto essere presente alle riunioni successive compresa quella di ieri che ha portato il gruppo dei Sindaci in Regione Lazio per un incontro con l’Assessore Valeriani, per presentare una proposta di un progetto di impianto di rifiuti comprensoriale.

«Su questa proposta ho appena inviato una nota ufficiale ai Sindaci con la quale mi dissocio e prendo le distanze.

Ho ribadito più volte – afferma il sindaco di Tarquinia Alessandro Giulivi – che intendo difendere la città di Tarquinia e tutto il nostro territorio dalle servitù energetiche e da quelle ambientalmente impattanti perché questa terra sta ancora pagando quelle pregresse, dalla centrale a carbone di Civitavecchia al Porto, per parlare delle prime due di una lunga lista.

Addolora constatare che i Sindaci non siano d’accordo con me, ritenendo prioritario il progetto di un impianto di trattamento di rifiuti proprio nell’ATO della provincia di Viterbo che, sottolineo, non è al momento necessario.”

Nella nota resa dalla stampa di ieri si dichiara che “la rappresentanza dei 7 Sindaci ruota intorno al bacino di Civitavecchia e che la proposta di realizzare un impianto di piccola taglia per la chiusura del ciclo dei rifiuti sul territorio possa essere di competenza dell’Osservatorio”.

Non ritengo percorribile questa ipotesi visto che il Consorzio per la gestione dell’Osservatorio Ambientale di TVN rappresenta solo 5 dei Sindaci ricevuti dall’assessore Valeriani e che la gestione è ferma da tempo e non ha mai deliberato in tal senso.

Qualora si tornasse a parlare di temi prioritari e condivisibili da tutti sarò disponibile ad eventuali incontri, non ci sarò per il resto».