VITERBO – Lunedì 4 maggio si è svolto presso la Sala Regia Comunale, in Piazza del Plebiscito a Viterbo, nell’ambito del festival del Volontariato 2015, un convegno, interamente tradotto nella Lingua Italiana dei Segni, dal titolo “Oltre Noi – Prospettive di vita per persone con disabilità nella Tuscia – Esperienze di residenzialità, lavoro e legislazione” con lo scopo di affrontare le problematiche del durante e del dopo di noi, di esaminare la situazione nel territorio della Tuscia e di presentare alcune esperienze che in Italia operano già da molti anni.

 

Il Convegno è stato organizzato dal Comitato Promotore della Fondazione Oltre Noi che, costituito il 22 maggio del 2014 da 13 Associazioni di Volontariato che si interessano di disabilità e comunque di disagio sociale (Associazione Amici di Franco Di Marco, Associazione Amici di Galiana ONLUS, Associazione Cuore di Mamma ONLUS, Associazione del Lazio Sindrome X fragile ONLUS, Associazione Eta Beta ONLUS, Associazione Familiari e Sostenitori sofferenti psichici della Tuscia ONLUS, Associazione Italiana Persone Down – Sezione di Viterbo, Associazione per la Vita Autonoma, Associazione Romana Laziale per l’affidamento familiare ONLUS – Sezione di Viterbo, ASD Sorrisi che Nuotano Eta Beta di Viterbo ONLUS, ASD Vitersport ONLUS, Associazione Viterbo con Amore ONLUS, Consulta Provinciale della Disabilità, Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS – Sezione di Viterbo), oltre la Consulta Provinciale della Disabilità, si propone di arrivare in tempi brevi alla costituzione di una Fondazione di Partecipazione che si chiamerà “Fondazione Oltre Noi” in grado di garantire una piena inclusione delle persone con disabilità e di offrire a loro ed alle loro famiglie aiuto, supporto ed assistenza nel tempo.

 

L’apertura del convegno ha coinciso con l’apertura dell’XI Festival del Volontariato, fortemente voluto dal Presidente della Consulta Comunale del Volontariato, Consigliere Marco CIORBA che nel Suo intervento ha voluto sottolineare da un lato la particolare forza del Terzo Settore nel territorio della Tuscia, con decine e decine di organizzazioni di Volontariato che quotidianamente operano nei settori più disparati, e dall’altro l’enorme sforzo organizzativo che ha consentito di mettere in cartellone oltre 50 eventi.

 

Il Vescovo di Viterbo, Mons. Lino FUMAGALLI, nel portare il saluto della Diocesi di Viterbo, ha sottolineato l’importanza del Volontariato per tutta la cittadinanza e la comunità di Viterbo e la sua sussidiarietà rispetto alle Istituzioni.

 

Il Sindaco di Viterbo, Leonardo MICHELINI, ha altresì sottolineato il ruolo fondamentale delle Associazioni di Volontariato che spesso, operano dove le Istituzioni non arrivano, a volte anche in modo più efficace, e sicuramente più economico.

 

Venendo al convegno, il Dr. Antonio PANICHELLI ed il Dr. Alessandro PARIS, Neuropsichiatri Infantili dell’Unità Operativa Semplice Interdistrettuale Disabile Adulto della AUSL Viterbo, hanno presentato due interessanti esperienze operanti sul territorio, un casa famiglia socio-riabilitativa per doppia diagnosi di Caprarola ed un appartamento condiviso recentemente attivato a Viterbo.

 

Il Dr Stefano FAUSTI, Educatore Professionale presso la AUSL Roma A, ha presentato alcune interessanti esperienze di inclusione sociale, tra cui alcune esperienze di trekking in numerose località dell’arco alpino.

 

il Prof. Andrea CANEVARO, Professore Emerito di Pedagogia Speciale presso l’Ateneo di Bologna, ed il Dr. Fabio COMMUNELLO, Fondatore della bioFATTORIA Sociale “Conca d’Oro” di Bassano del Grappa hanno presentato un bellissimo progetto di Farm Community, e dei presupposti teorici che ne sono alla base.

 

L’intervento del Sen. Giuseppina MATURANI ha consentito di fare il punto sulle numerose iniziative parlamentari volte ad affrontare la problematica del “dopo di noi” e che, una volta approvate, potrebbero finalmente fornire quelle garanzie e quel supporto che le famiglie attendono da anni.

 

Dopo il Break organizzato da “Orto Salotto” e dai laboratori integrati dell’ UOSIDA della AUSL di Viterbo, l’Onorevole Rita VISINI, Assessore Regionale alle Politiche Sociali e Sport della Regione Lazio, nel fornire alcuni elementi sull’iter di approvazione della proposta di Legge Regionale sul sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio, ha reso noto che a breve verranno finanziati alcuni progetti per la realizzazione di 8 case famiglia, uno dei quali potrebbe essere assegnato alla provincia di Viterbo.

 

E’ stata poi la volta del Prof. Francesco BARALE, Direttore del Dipartimento di Scienze del sistema nervoso e del comportamento presso l’Università di Pavia, che ha presentato un “Oltre Noi” possibile con la Fattoria di Cascina Rossago, del Dr. Augusto BATTAGLIA, Presidente della Comunità “Capodarco” di Roma, che ha parlato dei progetti di inclusione della Comunità, ed infine del Dr. Claudio COLA Vice Presidente Regionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, che ha fatto il punto sui progetti di inclusione sociale rivolti a persone con deficit visivo.

 

Il Convegno, che ha fruito del supporto di Elisa, Giada Flaviana e Andrea, Studenti dell’Istituto Tecnico Economico “Paolo Savi” e di Donatella, fotografa dell’Associazione Culturale “Cantiere Fotografico”, ha avuto il fondamentale sostegno economico da parte della Fondazione CARIVIT, dalla Banca di Viterbo Credito Cooperativo, dalla GIOMI R.S.A., dal Consorzio “Il Cerchio” e dalla Cooperativa “Gli Anni in Tasca”, tutti fin dall’inizio al fianco del Comitato nel perseguire l’ambizioso progetto.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email