“C’era una volta un mondo che non c’è più”, spesso questo sentiamo ripetere ai nostri anziani oggi, tempo in cui si muove tutto velocemente, in cui abbiamo perso memoria degli antichi mestieri, della lentezza e dell’assoluta bellezza del lavoro fatto…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteViterbo dice no all’accensione o all’esplosione di artifici e manufatti pirotecnici in genere
Articolo successivoCapodanno a Viterbo Sotterranea, visite guidate nella terra degli Etruschi