“L’Orioli non si tocca”. E’ questo il messaggio politico sindacale della segretaria generale della Uil scuola, Silvia Somigli, in vista degli incontri per il piano di dimensionamento scolastico che inizieranno domani in provincia. Incontri durante i quali si decideranno le sorti di alcuni istituti scolastici della Tuscia alla luce delle nuove linee guida.

“La Uil scuola è solidale e si stringe attorno al Francesco Orioli – ha detto Somigli -, un istituto scolastico che rappresenta un punto di riferimento importante, soprattutto per quanto riguarda l’inclusione. Con indirizzi che ne fanno un vero e proprio presidio di conoscenze, cultura, arte e di tutto quello che serve per investire sugli studenti e il loro futuro”.

“Una scuola – prosegue Somigli – di antica tradizione, conservata e ampliata da tutti i dirigenti che si sono succeduti nel corso degli anni, tra cui Valente, Picone e Pachella. Tutti hanno lasciato un segno fondamentale e indelebile”.

“La Uil scuola – ha concluso Silvia Somigli – è sempre stata presente all’Orioli e riteniamo doveroso difendere questa importante realtà. Proponiamo quindi che l’Orioli mantenga intatta la sua tradizione e resti un presidio di cultura e pedagogia sociale per tutti i ragazzi che hanno trovato e troveranno in questo istituto una casa comune”.