VITERBO – Intercettati in macchina senza patente, vengono tratti in arresto dagli uomini della Polizia di Stato della Squadra Mobile della Questura di Viterbo, perché in possesso di additivi chimici senza autorizzazione.

Nell’ambito di mirati servizi di P.G. volti a contrastare i fenomeni illegali, la Squadra Mobile della Questura, nei giorni scorsi, ha intercettato un’autovettura con a bordo due cittadini albanesi di 41 e 25 anni. Dalle prime verifiche il conducente dell’autovettura è risultato essere sprovvisto di patente di guida e l’auto priva di copertura assicurativa e di regolare revisione.

I poliziotti procedevano quindi a sanzionare l’autista, come previsto dal Codice della Strada ed a sequestrare la vettura.

Ma, nel corso del controllo, sul cruscotto del mezzo, a portata di mano dei due stranieri, veniva rinvenuta una bomboletta spray contenente aggressivi chimici che è vietato possedere senza autorizzazione, come previsto dalla legge che regola le disposizioni per il controllo delle armi.

Ricorrendone i presupposti, veniva effettuata una perquisizione dell’abitazione utilizzata dai due uomini, ove veniva rinvenuto un apparecchio rilevatore di microspie ambientali.

Gli stranieri, entrambi pluripregiudicati per reati contro il patrimonio ed in tema di stupefacenti, dopo le formalità di rito venivano tratti in arresto, convalidato in data odierna dall’Autorità Giudiziaria e, su proposta del Questore, espulsi dall’Italia con provvedimento del Prefetto e rimpatriati in Albania, con accompagnamento alla frontiera a cura del personale della Questura. Permane altissima l’attenzione degli investigatori della Squadra Mobile volta a stroncare ogni fenomeno illegale nell’hinterland viterbese.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email