“Grazie a una delibera di Giunta votata lo scorso giovedì mattina, abbiamo semplificato la procedura relativa ai contributi per le feste patronali ricorrenti degli ex-comuni e delle frazioni.

Gli ex Comuni sono sempre stati al centro delle nostre proposte per la città” – dichiara la Sindaca Frontini – “la valorizzazione del territorio passa anche dalla valorizzazione dalle tradizioni delle frazioni, che sono parte integrante di Viterbo”. 

Ogni anno sarà possibile per gli organizzatori sapere in anticipo su quale somma potranno contare. Inoltre, tutte le feste patronali si vedono già assicurato sia il patrocinio da parte del Comune, sia l’esenzione dall’impatto acustico, che non dovranno più richiedere. 

“Un primo passo per aiutare le associazioni a semplificare le procedure relative all’organizzazione della feste patronali” – spiega l’assessore e Vicesindaco Alfonso Antoniozzi – “se si cammina tutti verso uno stesso obiettivo, il cambiamento sarà importante”. 

Ma c’è di più: applicando gli indirizzi dello Statuto del Comune, della legge Regionale 18/2021 e della delibera di giunta del 6/5/11 il contributo alle feste sarà libero dal vincolo di percentuale in rendicontazione. 

La delibera riguardante le feste che devono svolgersi nel 2022 è disponibile alla visione online sull’albo pretorio.

Articolo precedenteA Civita di Bagnoregio va in scena Medea
Articolo successivoConsigli per il foto editing per rendere i tuoi scatti professionali