Si è concluso “ufficialmente” da pochi giorni il progetto “Be different” della Coop. Sociale Gli Aquiloni, che ha interessato i giovani del territorio con un’attenzione particolare ai diversamente abili, realizzato grazie al contributo della Fondazione Carivit, che da anni ne segue e ne sostiene le attività.
Il progetto si è articolato secondo diverse parti, dapprima una fase formativa (sia per i volontari che per i ragazzi diversamente abili), poi l’applicazione pratica nelle due botteghe sociali a Capranica e Bagnoregio, i Catering Sociali e l’ospitalità nelle case di S. Martino e del Rifugio di Bagnoregio.
Nella “Bottega be different” i ragazzi hanno avuto l’opportunità di imparare da maestri d’arte la lavorazione di vari materiali, per la realizzazione di diversi prodotti utilizzati in eventi organizzati dalla cooperativa (cene sociali, aziendali, eventi enti pubblici, ecc).
Durante il periodo del progetto, i ragazzi sono stati coinvolti in diversi servizi di catering per pranzi o cene, coffee break di convegni, cerimonie con servizio al tavolo o buffet.
I giovani con diversa abilità hanno avuto un ruolo da protagonisti, perfettamente integrati nel gruppo di lavoro sia per i catering che per la gestione del’ospitalità nella casa per ferie S. Martino e Il Rifugio di Bagnoregio. La semplicità e la spontaneità sono state valore aggiunto nell’accoglienza ai gruppi o alle famiglie.
La cooperativa inoltre ha coinvolto il gruppo di giovani anche nell’organizzazione di eventi, per quanto riguarda l’aspetto tecnico: service audio e luci di alto livello, curati nei minimi dettagli.
I ragazzi speciali, insieme ai volontari, sono stati presenti con i prodotti lavorati all’interno della bottega in bancarelle allestite per le occasioni.
Il progetto ha dato prova che laddove si crea interesse e cura per i giovani, si riescono ad ottenere inclusione sociale e riduzione di ogni tipo di marginalità. I ragazzi coinvolti hanno inoltre potuto acquisire nuove competenze in diversi ambiti, occupando il loro tempo libero divertendosi e facendo al tempo stesso del volontariato, utile allo loro crescita personale, ma anche all’intera comunità ed al territorio. Queste iniziative messe in campo dalla Cooperativa Gli Aquiloni stanno proseguendo, proprio perché è stato grande il numero dei giovani coinvolti e l’interesse che questi ultimi hanno dimostrato. Continuano quindi gli eventi le attività permanenti, come l’accoglienza e le botteghe sociali, in un meccanismo virtuoso che rappresenta un fiore all’occhiello del territorio viterbese.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email