Continuano gli itinerari dedicati alle dimore Farnesiane della Tuscia. Sabato 28 gennaio sarà la volta di Bolsena con Palazzo del Drago. Un percorso diverso dal solito per scoprire la storia della città, con delle tappe speciali come l’area archeologica della romana Volsiniila chiesa oratorio della Madonna dei Cacciatori un piccolo capolavoro costruita su un antico aedo romano e posta all’incrocio di antiche vie, oggi sul percorso della via Francigena. Le pareti della chiesa sono coperte di interessanti affreschi realizzati grazie alla devozione popolare tra la fine del XV e il XVI secolo. Ed infine protagonista della fase rinascimentale sarà il Palazzo del Drago e la sua storia legata al personaggio di Tiberio Crispo e alla famiglia Farnese.La fase storica più antica potremo conoscerla nello splendido e panoramico sito di Poggio Moscini, dove fu edificata la città romana di Volsinii. Qui gli scavi hanno riportato alla luce i resti del foro, circondato da botteghe, di una grande basilica, tratti della via tecta, due abitazioni private, decorate con affreschi e pavimenti a mosaico, e il sacello di Dioniso luogo di culto molto suggestivo.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONE 333 4912669 Anna Rita Properzi Guida Turistica e Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro Italiano Aigae con Assicurazione Professionale RC attiva. Contatti tramite sito www.annaritaproperzi.it, whatsapp 3334912669, canale telegram https://t.me/lepasseggiatediannarita; mail [email protected]APPUNTAMENTO: sabato 28 gennaio, ore 09.45; Il luogo dell’incontro verrà comunicato con posizione Google più comoda per l’inizio della visita. Durata dalle 9.45 alle 13 circa
COSA VEDREMO: Area Archeologica di Poggio Moscini, (aperta la mattina) Chiesina della Madonna dei Cacciatori, Palazzo del Drago e borgo.
VISITA GUIDATA: aree archeologica, chiesa Madonna dei Cacciatori, Palazzo del Drago e borgo :10 euro a persona;
INGRESSO A PALAZZO: 12 euro a persona;
Articolo precedenteTarquinia, si chiudono il 15 febbraio i termini per partecipare al primo concorso letterario “Premio Spartaco Compagnucci”
Articolo successivo“Prima giornata della stampa”, indetta dal Vescovo di Viterbo in occasione della festa di San Francesco di Sales