Questi i risultati conseguiti all’esito dei controlli svolti dalle Fiamme Gialle Viterbesi nell’ambito di uno specifico dispositivo operativo del Comando Provinciale di Viterbo, a contrasto dei fenomeni della contraffazione, dell’abusivismo commerciale, delle violazioni in materia di sicurezza prodotti e tutela del “Made in Italy”.


L’attività di controllo economico del territorio ha consentito di sottrarre dal mercato un ingente numero di prodotti commerciali irregolari, con la denuncia di 2 soggetti alla competente Autorità Giudiziaria e 4 segnalati Amministrativamente.
Oltre 16.000 i beni di consumo sequestrati risultati pericolosi per la salute dei consumatori, di cui 100 capi di abbigliamento recanti marchi di note griffes risultati contraffatti.


I beni sottoposti a sequestro, sono risultati non rispondenti ai dettami previsti dal Codice del Consumo, in quanto sprovvisti delle informazioni identificative minime quali i dati relativi al produttore/importatore, il Paese di origine, la natura dei materiali impiegati per la loro realizzazione, le istruzioni e precauzioni per l’utilizzo, che per legge devono essere presenti sulle confezioni o sulle rispettive etichette, in modo visibile, leggibile ed in lingua italiana.


In questo quadro e nel critico contesto economico contingente, l’attività portata a termine testimonia la particolare attenzione riposta dalle Fiamme Gialle viterbesi nel contrasto di questi fenomeni, grazie allo sviluppo di specifici e quotidiani servizi finalizzati al controllo economico del territorio e al monitoraggio delle attività che presentano profili di rischio, a garanzia della sicurezza dei consumatori, della tutela dei titolari legittimi dei diritti e quindi del corretto funzionamento del mercato nonché degli operatori che conducono onestamente le
proprie attività commerciali nonostante il periodo di crisi.


Per evitare rischi, è opportuno rivolgersi sempre a punti vendita e ad operatori commerciali affidabili, controllando le etichette dei prodotti acquistati, che devono riportate, con chiarezza, le informazioni relative ai prodotti che riportano i marchi di qualità “CE” (approvazione europea), “IMQ” (indicazione di qualità del prodotto) e il marchio specifico “Giocattoli Sicuri” (attribuito dall’Istituto Italiano Sicurezza Giocattoli).

Articolo precedente25° anniversario della Fondazione del centro sociale “Pilastro” festeggiato in Comune insieme ad una folla di “amici”
Articolo successivo“Soluzioni tecniche per la gestione dell’acqua pubblica nella Tuscia”, assemblea pubblica sabato 19 novembre