Nella serata dello scorso 8 febbraio personale della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Viterbo è intervenuto a seguito di segnalazione di persone sospette all’interno di un capannone industriale prospiciente via Francesco Baracca. Nella circostanza gli agenti sorprendevano in flagranza di reato un 28enne di nazionalità romena intento ad asportare materiale elettrico nel locale.

Gli operatori si sono calati dal tetto dello stabile per fermare il giovane che, alla loro vista, si dava a precipitosa fuga ma veniva immediatamente fermato. L’uomo, trovato in possesso di attrezzi e arnesi atti allo scasso, è stato tratto in arresto e messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Inoltre nella mattinata di ieri gli Agenti delle Volanti hanno sorpreso una 29enne di etnia Rom, residente in un campo nomadi di Roma, mentre tentava di introdursi in un appartamento nel quartiere di Villanova unitamente ad una complice. La segnalazione era partita da un poliziotto libero dal servizio che aveva notato le due donne aggirarsi nella zona con fare sospetto.

La nomade fermata, riconosciuta quale autrice di un altro tentativo di furto avvenuto qualche giorno fa in un’altra zona del capoluogo, è stata denunciata in stato di libertà e, con provvedimento del Questore, allontanata dal Comune di Viterbo con divieto di ritorno per un periodo di 4 anni.