prestiti

Sapevate che i prestiti Inpdap possono essere utilizzati anche per l’acquisto della propria auto, sia nuova che usata? Ebbene sì, purchè il richiedente risponda a dei requisiti minimi richiesti dalla legge.

Innanzitutto, come leggiamo sul sito specializzato sull’argomento PrestitoInpdapOk, per richiedere i prestiti Inpdap bisogna essere dipendenti statali, pubblici o pensionati Inps, avere un contratto a tempo indeterminato, determinato con vincoli o il cedolino della pensione ad essere iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie.

I piccoli prestiti Inpdap per l’acquisto dell’auto

I piccoli prestiti Inpdap sono dei prestiti concessi dall’Inps a condizioni agevolate, da un minimo di una mensilità rimborsabili in 12 mesi fino ad un massimo di quattro mensilità rimborsabili in 48 mesi. Se non si hanno in corso ulteriori trattenute sullo stipendio o sulla pensione, inoltre, è possibile ottenere il raddoppio delle mensilità, fino ad un massimo di otto mensilità rimborsabili in 48 mesi.

I prestiti Inpdap possono essere usati anche per l’acquisto della propria auto in quanto non viene richiesta alcuna motivazione. L’importante è che la rata mensile non super il vincolo del 20% dello stipendio o della pensione netti.

Il Tasso annuale nominale (TAN) è del 4,25% fisso, al quale bisogna aggiungere uno 0,5% per le spese d’amministrazione dell’Inps e un contributo al Fondo Rischi variabile a seconda dell’età del richiedente e della durata del prestito, dallo 0,17% all’1,20%.

Come si richiede un prestito Inpdap?

Per richiedere un prestito Inpdap per l’acquisto dell’auto è necessario compilare l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’Inps e inviarlo tramite la propria amministrazione di competenza presso gli uffici dell’Istituto di Previdenza Sociale. Anche i dipendenti pubblici e privati con un contratto a tempo determinato possono accedere ai piccoli prestiti, con la limitazione che la durata del prestito non superi quella del proprio contratto di lavoro.

Altra soluzione per accedere a finanziamenti agevolati per l’acquisto della propria auto è quello dei prestiti pluriennali, dei prestiti vincolati alla cessione del quinto fino ad un massimo del 20% dello stipendio o della pensione. I prestiti pluriennali necessitano di una motivazione certificata che andrà fornita insieme alla richiesta di prestito direttamente presso l’Inps, quindi in questo caso sarà necessario un preventivo di acquisto dell’auto rilasciato e firmato dal concessionario.

I prestiti pluriennali hanno un TAN del 3,5% al quale va aggiunto uno 0,5% per le spese amministrative dell’Inps ed un contributo al Fondo Rischi, da un minimo dello 0,96% ad un massimo del 2,28%. Questi prestiti possono essere rimborsabili in 60 mesi o in 120 mesi, e in caso di acquisto di una autovettura il tetto massimo finanziabile è di 20 mila euro. I prestiti pluriennali Inpdap possono essere richiesti dai dipendenti pubblici, statali e dai pensionali, purchè iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie da almeno 4 anni e con almeno 48 mesi d’anzianità di servizio. I dipendenti con contratto a tempo determinato possono accedere ai prestiti pluriennali solo in caso che la durata del prestito sia inferiore a quella della scadenza del proprio contratto di lavoro, che deve essere di almeno 36 mesi.

Commenta con il tuo account Facebook