Esistono molti motivi per i quali ci si potrebbe chiedere se è possibile localizzare un numero di cellulare. Può essere il caso di partner gelosi, o per avere la posizione di un amico che ci sta chiamando, ma il caso senza dubbio più diffuso è quello di genitori preoccupati dal comportamento dei loro figli minorenni che vogliano sapere se esiste un modo di rintracciarli utilizzando solo il numero di cellulare.

È possibile localizzare un cellulare dal numero? La risposta è sì, ci sono diversi modi per farlo, ad esempio utilizzando alcune app o funzioni specifiche che possono aiutarvi a trovare sulla mappa un cellulare.

App per localizzare il cellulare dal numero: quali sono?

Esistono sia delle funzioni che permettono di localizzare il cellulare di un’altra persona, sia delle vere e proprie app-spia che spesso sono utilizzate dai genitori preoccupati che vogliono avere sotto pieno controllo lo smartphone dei loro figli minorenni. Vediamo quali sono, e come si usano, queste funzionalità.

  • Trova il Mio Dispositivo. Un servizio offerto sia da Android che da iPhone per rintracciare un cellulare e localizzarlo, creato per reagire a casi di furto o smarrimento, è ‘Trova il mio dispositivo’ (per Android) e ‘Trova il mio iPhone’ (per iOS). Il funzionamento è facile: si accede al servizio web e ci si autentica con l’account con il quale si ha fatto registrazione. Se quindi si vuole localizzare un cellulare altrui, bisognerà essere in possesso delle credenziali d’accesso dello smartphone in questione. A questo punto si potrà vedere la posizione del dispositivo in tempo reale, bloccarlo o farlo suonare (non dimentichiamo che sono funzioni create per rintracciare uno smartphone smarrito).
  • Family Link. Un’app utile per localizzare il cellulare dei figli è Family Link, offerta da Android. Si tratta di un’app che va configurata inserendo i nominativi ed i numeri dei figli, e attivando la condivisione della posizione degli stessi su ‘Impostazioni di Geolocalizzazione’ con la funzione ‘Visualizza la posizione di tuo figlio’. Selezionando la funzione ‘Alta precisione’ si avranno indicazioni molto puntuali sulla posizione del figlio.
  • mSPY. Se finora abbiano accennato a funzioni che aiutano ad avere molte informazioni per gestire e trovare i cellulari dei nostri parenti, adesso invece ci riferiamo a vere e proprie app spia, pensate per controllare non solo la localizzazione dello smartphone ma anche messaggi e chiamate. mSPY consente di rintracciare la posizione del cellulare e permette anche di visualizzare gli itinerari percorsi sulla mappa. Inoltre controlla gli sms inviati e ricevuti (anche quelli cancellati), i messaggi delle app di messaggistica rapida e le chiamate. mSPY consente anche di attivare un allarme se il dispositivo entra all’interno di un’area che il genitore ha determinato essere ‘proibita’. L’installazione va fatta direttamente sul cellulare del figlio.
  • Qustodio. Un’altra app – presente in versione gratuita o a pagamento con funzioni premium, ad esempio per inserire più utenze da controllare – che consente di localizzare la posizione dei figli, e non solo. Questa app permette anche di controllare i messaggi, la cronologia delle ricerche sul web e dei video su YouTube e consente anche di impostare dei filtri per gestire le attività svolte online. I genitori possono quindi sapere in ogni momento dove si trova il figlio, e bloccare l’accesso a determinati siti web. Anche in questo caso, l’app va installata direttamente sullo smartphone del figlio minorenne.
Articolo precedenteLa Provincia di Viterbo aderisce alla campagna dell’Onu “Orange the World” contro la violenza sulle donne, Palazzo Gentili si tinge di arancione fino al 10 dicembre
Articolo successivoAssociazione italiana donne medico contro violenza donne “Affinché certi tristi e tragici episodi non accadano mai più”