Acqua di lago, acqua di mare”: nel prossimo appuntamento di Linea Verde Estate, in onda domenica 7 Agosto, alle 12.20 su Raiuno, prosegue il viaggio di Angela Rafanelli e Peppone Calabrese nel Lazio del nord.

Un luogo dal fascino unico, una foresta vetusta dove convivono oltre 30 specie di alberi monumentali, uno scrigno unico di biodiversità: ad Acquapendente, inoltrandoci in una natura incontaminata, la magia di profumi e suoni del bosco del Sasseto.

Un gioiello di 17 ettari, un sogno che diviene realtà, un museo a cielo aperto: a Capodimonte, nel bel mezzo del cuore del lago di Bolsena, alla scoperta delle bellezze dell’isola Bisentina che, dopo anni di chiusura ed inaccessibilità, riapre al grande pubblico.

La sperimentazione di nuove tecniche di pesca nel rispetto dell’habitat naturale, una gestione improntata al miglioramento della qualità del prodotto, un ambiente informale dove la tradizione culinaria locale incontra un gusto ricercato: a Marta, con i pescatori della Cooperativa, per seguire l’intera filiera di produzione del coregone, rinomata specie di lago.

Un borgo ottocentesco recuperato e valorizzato dove fino alle fine degli anni ’90 si raccoglieva il sale, un’eccellenza a livello internazionale nell’ambito della ricerca scientifica: a Tarquinia, nel Centro ittiogenico delle Saline, la pratica del “restocking” per la riproduzione di specie marine destinate al ripopolamento degli ecosistemi marini.

Una passione per il proprio lavoro che si tramanda da tre generazioni: alle porte di Viterbo, in una azienda agricola a conduzione familiare, l’allevamento di oltre 700 capre di razza Saanen e la produzione di un prelibato formaggio, ottenuto secondo metodi che garantiscono elevati standard qualitativi.

“Non solo Provenza”: nella campagna viterbese, la spettacolare esplosione di colori nella tonalità del lilla e del viola dei campi di lavanda più belli del Lazio e, a Tuscania, per assistere all’undicesima edizione della “Festa della Lavanda”, manifestazione interamente dedicata alle proprietà di questa pianta che con il suo profumo inebria piazze e strade.

Un’affascinante borgo medievale, ancora intatto con le sue scalinate e gli stretti vicoli, adagiato alle pendici dei Monti Volsini: storia, curiosità e personaggi di Bolsena.

Articolo precedenteCura di Vetralla, “io amo” con Franco Fasano
Articolo successivoA Bolsena il rione San Giovanni in festa