L’uso di un programma di fatturazione elettronica è diventato da più di un anno un fenomeno molto comune. Dal primo gennaio 2019, infatti, è entrato in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica e con esso le aziende hanno dovuto adattarsi a quelle che sono le nuove normative vigenti in materia fiscale. Così, le varie realtà imprenditoriali hanno iniziato a utilizzare i programmi per la gestione della fatturazione elettronica, ormai indispensabili per molti aspetti.

Innanzitutto, questi programmi permettono di lavorare in modo efficiente visto che azzerano il rischio di errori grazie al sistema di autocorrezione. Inoltre, grazie ad un programma di fatturazione elettronica, si può lavorare anche via smartphone. I migliori, infatti, presentano anche interfacce legate all’utilizzo di dispositivi mobili e questo è un gran vantaggio per tutti quelli che spesso sono fuori per lavoro ma che hanno comunque la necessità di avere il pieno controllo degli strumenti utilizzati per la propria azienda.

La conservazione delle fatture elettroniche

Altro tema fondamentale in questo contesto è quello legato alla conservazione delle fatture elettroniche. Innanzitutto, bisogna specificare che ogni fattura emessa deve essere presa in carico e accettata dal Sistema di Interscambio. Una volta effettuati questi passaggi, si può passare all’archiviazione secondo i termini di legge.

Per procedere alla conservazione della fattura elettronica occorre seguire un processo che è regolamentato dal Codice dell’Amministrazione digitale. Innanzitutto, la fattura deve rispettare i criteri di autenticità e integrità e, per fare ciò, occorre che il documento non abbia subito alterazioni o modifiche e che sia ritenuto affidabile. L’affidabilità in questo senso è ottenuta grazie alla presenza della firma digitale del responsabile della conservazione e dalla presenza della marca temporale.

Il documento in questione deve essere leggibile e reperibile in ogni momento, anche in caso di controllo da parte delle autorità. Il tutto, ovviamente, a vantaggio dei contribuenti e contro gli interessi di chi evade le tasse al fisco italiano. I documenti prodotti, dunque, possono essere conservati per diversi anni e in più senza l’utilizzo della carta necessario fino a qualche anno fa. La fatturazione elettronica consente di avere il pieno controllo delle fatture e di riuscire a non smarrirle, riuscendo così a recuperarle in qualsiasi momento nel formato originale. Le fatture, dunque, devono essere conservate secondo la normativa fiscale e del Codice Civile. Come abbiamo detto, i programmi per la fatturazione elettronica sono strumenti che hanno aiutato la lotta all’evasione fiscale e migliorato i sistemi di gestione all’interno delle aziende.

Non a caso, i moderni strumenti a disposizione delle imprese risultano essere sempre più utilizzati. Il mondo del lavoro si sta velocemente evolvendo e questo dà la possibilità a tutte le attività di aggiornare i propri strumenti a vantaggio di una produttività ancor più efficiente.