In questa prima domenica di Dicembre 2023, la gloriosa Associazione di Solidarietà Falisca della presidente Algerina Monachini, ha celebrato la sua annuale festa sociale con una grande partecipazione sia degli iscritti che di altri sostenitori e simpatizzanti. La festa ha avuto due momenti significativi: il primo, nella mattinata, con la partecipazione alla Santa Messa celebrata dal parroco, nonché cappellano dell’Associazione, Don Domenico Bandini nella chiesa parrocchiale di S. Maria del Giglio in Zepponami; il secondo, nel momento conviviale, che si è tenuto presso il ristorante Carpe Diem. La giornata è stata allietata dalla presenza della sindaca Giulia De Santis e della sua vice Rosita Cicoria, con la presenza del medico sociale Luigi Cricco, tra l’altro, uno dei fondatori dell’Associazione nel lontano 1991. Durante il pranzo sono stati premiati, per merito di servizio ventennale, gli associati Giancarlo Silvi che ricopre anche il ruolo di coordinatore dei servizi, Massimo Mocini economo cassiere, quindi Marianello Daniele e Cardinali Giampiero.

La presidente, Algerina, nel suo intervento, prima ha ringraziato tutti i volontari per la preziosa opera che svolgono, poi ha posto a tutti i presenti gli auguri di buone festività che caratterizzano questo mese di dicembre, quindi ha sottolineato come le fila dei volontari si vanno assottigliano, commentando che non è un buon segno e che ognuno si deve impegnare a trovare un altro volontario; soltanto così, ha concluso la presidente l’Associazione troverà nuova linfa per andare avanti con più efficacia ed entusiasmo, per essere sempre più vicina ai cittadini nel fornire loro il miglior servizio possibile. Erano presenti anche i presidenti di molte altre Associazioni locali che operano in ogni branchia del sociale; anche per essi la Monachini ha avuto una parola di ringraziamento sottolineando che con un lavoro sinergico si può fare meglio e di più.

La presidente Monachini, ha concluso, dicendo che c’è molto lavoro da fare, i cittadini di Montefiascone non si possono delude re e molto meno abbandonare per cui l’invito a riboccarsi le maniche e continuare con fermezza e decisione nel lavoro che si sta facendo, nella consapevolezza che ci sono sacrifici da affrontare ma le imprese più sono ardue e più danno soddisfazione. L’addetto alle risorse economiche, Massimo Mocini, ha rammentato che la quota associativa per il prossimo anno, ormai alle porte, è di 35,00 euro, da versare, possibilmente entro il mese di Febbraio, anche se non c’è una scadenza fissa.

Pietro Brigliozzi