La strada del Castellaccio, molto importante per la zona rurale che attraversa,
è ridotta ormai in una situazione di alto degrado, che è difficile chiamarla con il termine strada. Una strada che, nel tratto non asfaltato, come rilevato nel nostro tour di oggi, si passa solo con jeep, fuori strada e con trattori .

Gli abitanti della zona e tutti gli altri utenti, i quali, tra l’altro sono abbastanza numerosi, espongono le loro forti lamentele nei confronti dell’Amministrazione del sindaco Massimo Paolini, dalla quale hanno sempre avuto rassicurazioni sulla sua sistemazione, ma di fatto, tante vuote parole, tante lusinghiere promesse, completo e totale disinteresse.

Ad onor del vero, e per quanto siamo riusciti a sapere dai contadini montefiasconesi, tutti, in modo più o meno accentuato, con logistiche diverse, lamentano lo stato precario in cui versa l’intera rete delle strade che attraversa l’intera campagna del comune di Montefiascone.

Per onestà di cronaca va anche detto che stiamo uscendo ora da un inverno piuttosto pesante, per cui le strade, comprese anche quelle primarie a carattere Regionale, hanno subito sia le abbondanti piogge, sia le discrete nevicate sia qualche settimana di gelo. Tutti elementi questi che, certamente, hanno contribuito, in modo determinante, sul maggior logorio del fondo stradale realizzato sia in terra battuta come le strade di campagna, sia quelle asfaltate della rete comunale e regionale. Quando piove la strada è fangosa, quando è bel tempo è una fonte di fastidiosissimo polverone; senza dimenticare la moltitudine di ciotoli, spesso appuntiti che fuoriescono dalla terrai. In tutte queste situazioni sono, comunque le gomme e le sospensioni delle auto a farne le spese, con frequenti ritoni in officina.

Da tener presente che tale tratto è coincidente con la Via Francigena e quindi il suo essere mal messo è il biglietto da visita che Montefiascone da ai pellegrini che passano ogni giorno.

Sig.ra Cristiana da quanto tempo avete sollecitato l’Amministrazione comunale e posto le vostre rimostranze al fine di avere la strada meglio manutenuta?
E’ diverso tempo che facciamo presente questa situazione, ma dobbiamo dire che siamo molto poco ascoltati e la strada non è stata messa ancora nelle condizioni ottimali. Un ultimo intervento è stato fatto anche in questo mese quando è stato appeso anche un vistoso striscione che però neanche esso ha sortito effetto alcuno. Qualche tempo fa venne una ditta ma, visti i risultati, dobbiamo dire che ha fatto ben poco. Gli scoli laterali per il defluire delle acque piovane non ci sono per cui esse rimangono sulla sede stradale favorendo la formazione del fango ed il sorgere di buche che si possono ancora vedere, profonde e sparse per tutto il fondo stradale.

Sig.ra Cristiana; cosa vorreste?! Non è che pretendiamo tanto se chiedessimo che anche quest’ultimo tratto che manca con il suo congiungimento con la regionale Cassia venisse asfaltato. Tuttavia vogliamo almeno che si facesse periodicamente una buona ed adeguata ed efficiente manutenzione che duri nel tempo. Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook