Roberto Talotta

VITERBO – “In questi giorni che precedono le festività natalizie, anche la città di Viterbo rispetta una delle tradizioni più belle dal punto di vista religioso e non solo, una tradizione vissuta come festa legata alla famiglia, alla solidarietà e allo scambio di regali, una città che accende le sue luminarie, installa il consueto Albero e si prepara a ossequiare il periodo più incantevole dell’anno con concerti e iniziative di ogni genere.

Ma non per tutti sarà un momento di gioia e di esultanza perché anche nel nostro territorio si registra un Natale sempre più povero, più triste e buio per le tante persone che stanno facendo i conti con le conseguenze di uno “scompenso socio-economico” che ha prodotto due mondi del tutto diversi tra loro, uno dove si trovano i più fortunati avvolti dal loro status di benestanti, mentre l’altro, vede in continuo crescendo quelli che hanno perso tutto o quasi, a causa di una crisi decennale che li ha resi indigenti, in una povertà praticamente raddoppiata negli ultimi anni.

FondAzione per la Tuscia vuole porre l’attenzione su tale drammatico fenomeno che non può essere alleggerito occasionalmente con la rituale solidarietà, tipica del Natale, dove tutti si sentono più buoni, ma intende focalizzare una situazione che può essere sicuramente migliorata attraverso programmi e risoluzioni politiche capaci di incidere concretamente sulle sacche di povertà e di precarietà che, purtroppo, restano una triste realtà anche nella nostra provincia.

Noi di FondAzione per la Tuscia pensiamo in modo particolare a tutte quelle persone che hanno perso il lavoro, che vivono la “cassa integrazione” , che non ricevono il salario anche se lavorano, che sono malpagati e addirittura schiavizzati, pensiamo a coloro che, pur vivendo in uno stato di bisogno, subiscono prelievi fiscali esagerati e assolutamente ingiusti che li fa sprofondare nel baratro della miseria; pensiamo ai pensionati, non a quelli sollazzati dalle loro pensioni d’oro, ma alla maggioranza dei pensionati che vivono con assegni mensili veramente da fame.

Allora, l’augurio che vogliamo esprimere con forza, resta quello di poter contare su una Politica che lavori seriamente e intensamente per dare alla città un nuovo segno, un nuovo carattere, un futuro di opportunità per tutti, una Viterbo più produttiva, più vivibile e più sicura, affinché si possa parlare di pace e prosperità non solo a Natale ma in tutti i giorni dell’anno”.

Roberto Talotta
Direttivo Comunale di FondAzione per la Tuscia

Commenta con il tuo account Facebook