L’Assemblea del circolo Enrico Minio del Partito della rifondazione comunista di Civita Castellana ha scelto all’unanimità la candidatura a sindaco di Yuri Cavalieri per le prossime elezioni comunali.

Ha deciso inoltre di presentarsi in maniera autonoma e con il proprio simbolo, con un candidato ed una lista giovane e innovativa aperta a candidature indipendenti, che sarà rappresentativa di tutto il tessuto sociale civitonico.

“Nel contesto desolante a cui assistiamo, con la politica concentrata solo sui nomi dei soliti sepolcri imbiancati, noi vogliamo rappresentare una alternativa tanto ad un Pd che lascia Civita Castellana in una situazione penosa, quanto ad una destra che ha già amministrato con pessimi risultati.

“La nostra sarà una campagna elettorale incentrata su questioni di interesse pubblico come la gestione della SATE, che noi vogliamo rimanga pubblica e controllata dal comune, la lotta all’evasione fiscale, che per alcune imposte comunali tocca punte del 25-30% , la gestione dell’acqua e della società pubblica TALETE, la difesa dell’ambiente e del territorio che non può più essere considerato solamente suolo da sfruttare e da vendere al miglior offerente, ma che vogliamo diventi volano di sviluppo e di benessere sociale ed economico.

“Il rilancio della nostra cittadina, partendo dalla riqualificazione del centro storico, e soprattutto il LAVORO, perché’ a Civita Castellana di tutto si parla fuorché della crisi sociale ed economica iniziata dal 2008, e che da allora attanaglia i lavoratori.

“Vogliamo, dunque,- conclude Rifondazione Comunista- un’amministrazione comunale che si schieri in difesa del territorio e del cittadini.”

Yuri Cavalieri 32 anni, è nato e vive da sempre a Civita Castellana, impiegato della logistica, iscritto dal 2008 a Rifondazione comunista, è impegnato nei GAP (Gruppi di acquisto popolare) a Km zero e nel comitato in difesa dell’acqua pubblica.

Commenta con il tuo account Facebook