NEPI – Si è tenuto ieri, lunedì 16 ottobre a Nepi, il congresso di circolo del PD. L’Assemblea ha riconfermato all’unanimità il Segretario Virgilio Gay.

“Di concerto con l’Amministrazione, rilanciamo lo sviluppo di Nepi mettendo al centro della nostra azione politica il territorio e le comunità – ha affermato il segretario – Desideriamo lavorare per incrementare il turismo, inteso come vetrina per dare opportunità alle produzioni locali. Lo sviluppo del territorio nepesino deve essere fondato sull’integrazione sinergica di agricoltura, prodotti e risorse locali: storiche, architettoniche, ambientali, eno-gastronomiche e culturali. Dopo la stagione dei centri commerciali, vogliamo dare maggiore attenzione alle produzioni e alle comunità che ne preservano il valore di eccellenza.

La risposta alla domanda di lavoro, soprattutto dei giovani, non può però essere affidata solamente al turismo. Bisogna dare respiro più ampio e trovare sbocchi di mercato per i nostri prodotti tipici: zafferano, vino, salame cotto, scapicollata, pecorino e riscoprire la produzione della cipolla bianca di Nepi – continua Virgilio Gay – senza tuttavia dimenticare di dare spazi e servizi alle altre attività imprenditoriali. In tale prospettiva il lavoro dell’Amministrazione locale sull’APEA (area produttiva ecologicamente attrezzata) e l’ampliamento della zona industriale consentiranno di attrarre nuove iniziative e di sviluppare quelle già presenti. La crescita demografica e urbana della città è avvenuta con una sorta di esplosione, per la realizzazione di centri residenziali.

Servono azioni per la coesione delle varie comunità di residenti. Serve un progetto di riqualificazione del centro storico. Con la sua caratteristica di filiera di comunità l’incremento del turismo può avviare, anche in tal senso, processi virtuosi. Oggi la domanda è rivolta a un’accoglienza domestica e diffusa; non servono grandi investimenti. Serve la voglia di crederci e lavorare tutti insieme per un progetto partecipato e condiviso di sviluppo. Per questo il Partito Democratico si rivolgerà a tutte le altre forze politiche e sociali, agli imprenditori, ai professionisti, alle associazioni di categoria e agli altri stakeholder per immaginare un’azione comune che privilegi l’interesse di tutti rispetto alle strategie politiche di parte” – conclude Gay.

Per la fase provinciale il risultato è stato a favore del candidato Andrea Egidi che ottiene oltre oltre i 2/3 dei voti rispetto alla candidata Manuela Benedetti.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email