Il  Vicepresidente della Camera dei Deputati, Fabio Rampelli, e la candidata a Sindaco Laura Allegrini  presso il Gran Caffè Schenardi, hanno tenuto una conferenza stampa  dal tema  “Occasioni e problematiche della Transizione Ecologica”. Presenti il deputato Mauro Rotelli e il coordinatore provinciale Massimo Giampieri.

Rotelli ha introdotto i lavori rammentando che Allegrini e Rampelli erano stati prima a Bagnaia dove hanno incontrato i residenti e hanno effettuato una visita a Villa Lante, successivamente si sono recati al mercato del Carmine per verificare la situazione dopo rincari conseguenti alla guerra in Ucraina.

Rotelli ha ringraziato Rampelli per essere venuto a Viterbo per sottolineare quanta importanza abbia gestire la transizione ecologica in una città storica come Viterbo.

Foto G De Zanet Rampelli Allegrini Rotelli

Allegrini ha sottolineato come i pannelli fotovoltaici abbiano invaso il territorio della Tuscia, territorio nella stragrande maggioranza agricolo. “Senza linee guida – puntualizza la candidata a Sindaco – è un problema, aria acqua e energia sono problemi da affrontare seriamente sfruttando anche i fondi PRRN. Nel 2018  – ha proseguito Allegrini – Viterbo era ai primi posti per la qualità dell’aria, in poco tempo si è scesi di tre livelli e la cosa non è da sottovalutare.

Se sarò eletta nominerò un manager responsabile dell’analisi del traffico, della sua ottimizzazione, della realizzazione di parcheggi e piste ciclabili, rendendo la città e il suo centro storico accessibile e vivibile.

Penso ad una gestione migliore dell’acqua potabile, Talete dovrà impegnarsi al miglioramento. Con i contributi della legge Fraccaro avvieremo i progetti di efficientamento energetico e di sviluppo territoriale sostenibile.

I contributi assegnati sono destinati a opere di efficientamento energetico, quali interventi di illuminazione pubblica, di risparmio energetico degli edifici pubblici, di installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, per l’adeguamento e la messa in sicurezza di scuole ed edifici pubblici, l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Quindi tanto lavoro per migliorare, compreso il fatto che dovremo impegnarci ad evitare che Viterbo continui ad essere la discarica dei rifiuti di Roma”.

Rampelli ha espresso la sua felicità di essere tornato a Viterbo, dove annovera molti amici, e aver visitato Villa Lante, ha promesso di tornarci dopo le elezioni per una visita più lunga.

“La transizione energetica che serve all’Italia e quindi a Viterbo è una “sfida” – ha sottolineato  il vicepresidente della Camera – che  si può vincere grazie alle capacità, alla laboriosità alla competenza ed al buon rapporto con i cittadini che la candidata Allegrini ha dimostrato di avere, con questa dote e utilizzando le conquiste tecnologiche moderne, attenendosi ad una visione conservatrice della città e del territorio, si avranno risultati positivi”.

Rampelli ha anche evidenziato come siamo arrivati a dover dipendere al 40% dal gas russo. “Un errore dettato da incompetenza e impreparazione, commesso dai 5 Stelle che con il Governo Conte 1 e poi con il Conte 2 hanno gettato le basi per fermare le estrazioni sia di gas che di petrolio in Italia. A Febbraio Draghi, su spinta pentastellata ha firmato un decreto suicidando la nazione. Assurdo, il petrolio in Basilicata viene estratto pochissimo da ENI e Total (i francesi che se lo prendono senza pagare nulla). Sarà mai possibile che il Presidente del Consiglio debba chiedere all’Europa prima di poter riiniziare ad estrarre gas e petrolio?”.

Articolo precedenteVilla Lante di Bagnaia: ingresso gratuito domenica 5 giugno
Articolo successivoIl ministro del Turismo Massimo Garavaglia a Viterbo traccia la strada dello sviluppo turistico  e suggerisce spunti al candidato Ubertini