«Carlo Angeletti come David Copperfield prova a mistificare la realtà sperando che tutti pensino che non ci sia il trucco e che tutto sia vero.

Qui, però, il trucco c’è ed è sempre lo stesso: giustificare le proprie mancanze amministrative come comportamenti simili a quelli di altri.

Basterebbe questo – comunica Yuri Cavalieri, Consigliere comunale Rifondazione comunista, – per sostenere che il cambiamento è già un ricordo lontano e un sogno mai realizzato.

Quanto alle affermazioni sulle possibili strade da seguire, la Giunta Caprioli di recente insediamento, ma già di grande fama amministrativa, poteva seguirne anche un’altra, cioè quella di dare una priorità diversa alle opere da completare e pensare prima al benessere di tutti quei bambini che hanno la pioggia all’interno degli istituti e a tutti quei genitori che vogliono maggiore sicurezza per i propri figli. Se necessario apportando delle variazioni allo stesso piano triennale. Questo la legge lo consente.

Che l’opera era prevista nel piano triennale, quindi, non sta a significare nulla.

L’Assessore abbia il coraggio di ammettere che è una scelta politica e lasci ai cittadini civitonici la libertà di scegliere se sia o meno lungimirante.

Per ciò che concerne l’accensione del mutuo da 160.000 Euro devo informare l’Assessore che è la stessa delibera n. 198 del 6 novembre 2019, data coincidente con il loro mandato e non quello di altri, ad autorizzare l’ufficio di ragioneria a tale assunzione di credito. Non sembra che, quindi, fosse già stato preso.

Infine attendo la data della sua prossima lezione sul bilancio comunale cosi che io possa colmare, a suo dire, le mie lacune, anche se credo che sara proprio in quella sede che qualcuno si giocherà la dignità, anche se credo che quella politica dell’assessore si sia già smarrita tra la multitudine di liste e partiti con le quali ormai regolarmente si presenta alle elezioni comunali da anni».