Alessandro Morelli, vice ministro delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili della Lega, oggi in visita a Monterazzano, insieme al candidato sindaco Claudio Ubertini.

«È nota da tempo la criticità dovuta a problematiche strutturali che insiste sul ponte che collega Strada Tuscanese al borgo di Monterazzano, relativamente alla circolazione dei mezzi pesanti, con inevitabili disagi anche alla mobilità dei residenti – spiega Ubertini –  Per questo oggi abbiamo voluto dare un importante segnale di attenzione portando qui il vice ministro Alessandro Morelli che con la praticità e la vicinanza ai territori che contraddistingue gli uomini e le donne della Lega, è passato subito ai fatti, facendosi carico della questione per trovare una soluzione. In proposito si è impegnato a parlarne subito con Nicola Molteni, sottosegretario della Lega al Ministero degli Interni, poiché la strada, essendo comunale, ricade nella sua sfera di competenza. Ringraziamo il vice ministro – prosegue Ubertini – per l’ennesima prova di vicinanza al territorio di Viterbo, “protagonista”, come ha ricordato lo stesso Morelli nella conferenza stampa a via Marconi nella sede della Lega, “delle azioni del governo” con l’ottenimento di 37 milioni di euro dal suo ministero per il Pinqua: la straordinaria riqualificazione urbana che investirà importanti quartieri della città. Non una promessa, ma una cosa già fatta: i progetti sono pronti all’assessorato all’Urbanistica da me guidato e presto vedremo l’avvio delle opere. Non annunci, dunque, ma fatti, già messi nero su bianco, pronti a partire con la nuova amministrazione comunale che, ci auguriamo, possa di nuovo esprimere la competenza, la serietà e la concretezza della Lega, già dimostrata in questi tre anni e mezzo di mandato», conclude Ubertini.

Ad accompagnare il ministro oggi anche il senatore Umberto Fusco, il coordinatore provinciale Stefano Evangelista e quello comunale, Andrea Micci.

Articolo precedenteRegione, Cinema: 70 milioni per le coproduzioni internazionali
Articolo successivoGustavo Oviedo realizza un murale sulla via per San Martino al Cimino