I Carabinieri della Stazione di Onano, in collaborazione del personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montefiascone e delle limitrofe Stazioni Carabinieri di Acquapendente, Grotte di Castro e Valentano (quest’ultima dipendente della vicina Compagnia Carabinieri di Tuscania), hanno dato corso ad uno specifico servizio coordinato, finalizzato al contrasto di illeciti in materia di stupefacenti, all’interno di una località boschiva, documentando l’attività di spaccio posta in essere da alcuni giovani di origine nord africana.

L’operazione è il continuum di un incessante attività di contrasto dello spaccio di stupefacenti, svolta con lodevole costanza dal Comando stazione di Onano nei mesi di agosto, settembre e ottobre, che già in data 09.08.2023 aveva portato all’arresto di un malfattore il quale, vistosi scoperto, durante la precipitosa fuga tra i rovi, aveva gravemente ferito uno dei Militari operanti.

Le indagini condotte hanno permesso di individuare nel tempo diversi acquirenti, alcuni dei quali segnalati alla Prefettura per la sola violazione amministrativa ed altri, a seconda delle risultanze investigative, denunciati per le più gravi ipotesi penali di detenzione ai fini di spaccio. Le attività poste in essere dai Carabinieri hanno consentito di sequestrare circa 12 grammi di cocaina; un machete; bilancino elettrico di precisione; strumenti per il confezionamento dosi ed € 2000,00 in contanti.  L’attività espletata ha evidenziato una platea di assuntori alquanto preoccupante per l’eterogeneità anagrafica, in quanto molti degli stessi non sarebbero giovanissimi.

Nel fine settimana, veniva posto in essere dalla Stazione Carabinieri di Onano unitamente al personale della Compagnia Montefiascone con l’apporto della limitrofa stazione Carabinieri di Valentano, un dispositivo che permetteva di cinturare un punto di spaccio con relativo bivacco, individuato anche grazie al contributo dei residenti, inserito all’interno della riserva naturale denominata “La Selva”, ai margini della strada comunale, nelle immediatezze dell’incrocio con la SR 74.  

I carabinieri dopo aver eseguito un rastrellamento del bosco e smantellato completamente i manufatti di fortuna, posti in essere dagli stessi spacciatori, bonificavano l’area interessata, attraverso la raccolta differenziata dei rifiuti. Che venivano poi avviati all’isola ecologica comunale con l’ausilio degli operai del comune di ONANO, consentendo così, di restituire ai cittadini del piccolo comune della Tuscia, un l’area boschiva “La Selva” completamente ripulita e bonificata, ritornata al suo splendore originale per la gioia di tutti gli amanti della natura.

Continua l’incessante attività antidroga da parte dei Carabinieri, in tutta la provincia, molteplici infatti, negli ultimi mesi i sequestri e le operazioni di contrasto allo spaccio.