«Lunedi 11 Maggio, è iniziata, come richiesto tra gli altri dal Coordinamento Sindacato Italiano Lavoratori Finanzieri (SILF), la somministrazione dei test sierologici anti-covid alle Fiamme Gialle in servizio nella Regione Lazio.

La notizia è stata celebrata con visita ufficiale dal Presidente della Regione Zingaretti presso il Comando Generale GDF ed ampi servizi giornalistici.

Ad oggi, però, ci risulta che i test sierologici siano stati sospesi per un “imprevisto ritardo inerente le apparecchiature necessarie per l’equipaggiamento delle unità mobili”.

Chiediamo al Presidente Zingaretti ed all’assessore alla Sanità – scrive il Sindacato Italiano Lavoratori Finanzieri (SILF) – di chiarire in tempi brevi la natura della problematica e di riprendere, tempestivamente, la somministrazione dei test che tanta approvazione e speranza avevano ingenerato nei nostri iscritti.

Come abbiamo in passato elogiato il comportamento delle istituzioni regionali, non potremmo non biasimare ritardi o addirittura sospensioni poco comprensibili, che farebbero nascere il sospetto di operazioni “puramente mediatiche”.

Con lo stesso spirito costruttivo fino ad ora dimostrato auspichiamo una rapida soluzione, ricordando che i nostri colleghi continuano a svolgere il proprio servizio e che la pandemia non contempla sospensioni per ritardi».

 

 

 

Il Coordinamento dei Comitati Provinciali della Regione Lazio

Eugenio Sabatino, Davide Lanfranco, Emiliano Serrecchia