Dalla provincia di Viterbo, dove risiede il Presidente Nazionale, la macchina si è messa in moto fin dai primi giorni. Incaricato dal Sindaco del Comune di Barbarano Romano quale responsabile delle attività dell’Emergenza Sanitaria Covid-19 nella funzione di Protezione Civile, il dott. Roberto Congedi ha coordinato i Volontari e collaborato con i Carabinieri di Barbarano Romano e Veiano, con la Polizia locale e le unità dei Guardiaparco del Parco Marturanum. Si è dato vita ad una fantastica sinergia attraverso i valori di solidarietà, professionalità e umanità, mettendo a disposizione l’esperienza maturata in quarant’anni nell’Esercito Italiano.

Da Nord a Sud l’attività del personale UNSI è stata costante con moltissime iniziative: dalla distribuzione di materiale sanitario alle attività di sostegno e informazione ai cittadini con particolare riferimento alle categorie fragili molto esposte a questa pandemia, sino ad arrivare al supporto della popolazione per le piccole esigenze quotidiane.

“Non c’è cosa più bella che avere la cittadinanza vicina a noi – con queste parole il dott. Roberto Congedi commenta l’esperienza di questi mesi – voglio ringraziare tutti i soci e dirigenti dell’UNSI per la professionalità e dedizione dimostrata, sono stati giorni duri che segneranno la nostra storia, un’emergenza inaspettata per certi aspetti ma che ha fatto riscoprire il valore dell’unità e della Patria, valori alla base della nostra attività associativa”.

Roberto Congedi

“Ora siamo nella Fase 3 e oltre che condividere i tantissimi attestati di stima e riconoscenza da parte delle Istituzioni e dei cittadini, grati per un lavoro encomiabile svolto con professionalità e passione nei mesi scorsi, ci aspetta un impegno ancora maggiore affinché tutto quello fatto fino ad oggi non sia stato vano. Ringrazio il Sindaco di Barbarano Romano, i Volontari del Gruppo Comunale della Protezione Civile e le Cittadine che hanno realizzato dispositivi di protezione individuale. Nella nostra piccola Comunità, grazie anche ai residenti di che hanno affrontato pazientemente e diligentemente il famoso ‘isolamento sociale’, i Volontari hanno distribuito gratuitamente 1000 mascherine ed effettuato oltre 100 interventi a sostegno delle categorie più fragili. Non da meno va rilevata la forte collaborazione con il Parroco di Barbarano Romano Don Vincenzo Sborchia che nei periodi più difficili non ha fatto mancare la sua assistenza spirituale”.

L’UNSI con riunioni settimanali in videoconferenza continuerà a coordinare le attività sul territorio nazionale con i propri dirigenti e nel contempo riprogrammare gli eventi sospesi a causa dell’emergenza.

Tutto quello che avverrà in futuro terrà inevitabilmente conto di questa esperienza che ci ha cambiato – afferma il Presidente Nazionale Roberto Congedi – quando tutto sarà finito, avremo una certezza in più: nessuno si salva da solo e ognuno deve fare la sua parte per il bene di tutti.  Anche l’UNSI con il suo contributo farà parte delle pagine di storia che racconteranno della pandemia mondiale del 2020 e di questo dobbiamo tutti esserne orgogliosi”.