TARQUINIA – La seconda fase di “Pagine a colori”, il festival della lettura illustrata per ragazzi, si aprirà il 26 gennaio con un incontro tra il traduttore Matteo Colombo (foto) e gli studenti dell’IIS “Vincenzo Cardarelli” nella sede centrale dell’istituto. Colombo, autore dell’ultima traduzione, per i tipi di Einaudi, dell’opera di J. D. Salinger Il giovane Holden, (The Catcher in the Rye, letteralmente Il prenditore nella segale), un romanzo del 1951, presenterà ai ragazzi l’esperienza della traduzione come una professione fatta di competenza, accuratezza, fatica e cura, che permette l’approssimarsi all’alterità di una lingua, al compiersi della grande sfida: la traducibilità di una cultura “altra”. L’intervento di Colombo sarà preceduto dalla relazione di Maria Vittoria Alfieri (responsabile Digital Teaching&Learning RCS Education) dal titolo, Holden a pezzi. Consigli di bricolage per aspiranti artigiani del web, aiuterà gli studenti a capire come si possa creare un percorso digitale di qualità aggregando contenuti provenienti da fonti diverse, mostrando come cambia la gestione dei contenuti nell’era digitale, approccio più che mai importante per chi utilizza sempre più il web per la ricerca di informazioni e conoscenze.

 

«Questa edizione di “Pagine a colori” è rivolta a quella ricca produzione editoriale che ha come finalità principale quella di rendere la lettura accessibile a tutti, di utilizzarla come strumento di crescita e infine, più in generale, di accostarsi attraverso lo strumento libro a contenuti particolari come la disabilità nelle sue varie forme. – spiega l’organizzazione – L’incontro con Colombo segue questo filo rosso, perché il traduttore accosta la differenza, la esplora, se ne appropria per restituirla: per dire questa differenza, vi s’immerge e ne esce cambiato, porgendo un prodotto letterario che, pur contenendo sempre la possibilità del tradimento della parola originale dell’autore, rende tuttavia possibile un incontro fra due mondi linguistici, fra due realtà culturali. Inoltre il romando di Salinger affronta il tema della difficoltà di risolversi in senso identitario da parte di un sedicenne, sviluppando il tema dell’età “diversa” per eccellenza, l’adolescenza». “Pagine a colori” è organizzato dall’Assessorato alla Cultura, con il sostegno della Fondazione Cariciv, Unicoop Tirreno e della biblioteca comunale “Vincenzo Cardarelli” e con la partecipazione dell’Officina dell’Arte e Mestieri “Sebastian Matta”, del Museo Arte Sacra Tarquinia, del Cinema Etrusco, dell’IC “Ettore Sacconi” e dell’IIS “Vincenzo Cardarelli”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email