Parte oggi l’iniziativa lanciata dal Comune di Gallese, Assessorato alla Cultura, insieme agli operatori del Servizio Civile Universale: la “Biblioteca parlante”.

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Gallese ritiene importante la promozione del piacere della lettura, un’attività che in Italia, purtroppo, non registra trend positivi. Sono noti gli effetti che la pratica della lettura ad alta voce produce per lo sviluppo delle funzioni cognitive e del pensiero critico, favorendo abilità relazionali e un miglior rendimento scolastico. Per questo il Comune ha promosso un ciclo di appuntamenti di lettura ad alta voce per bambini nei giorni antecedenti all’inizio della scuola. Si tratta di un’occasione per invogliare i bambini a riservare un tempo quotidiano dedicato alla lettura e per favorire un nuovo rapporto con lo spazio della Biblioteca, promuovendo il prestito di libri. Appuntamenti ed attività realizzate nell’ampio obiettivo dell’Amministrazione comunale di garantire alla città di Gallese il conseguimento della prestigiosa qualifica di “Città che legge”. Tutti sforzi congiunti resi possibili grazie al lavoro degli operatori del Servizio civile universale che in questi mesi si sono adoperati con molta tenacia per valorizzare al meglio la città di Gallese e per promuovere, far conoscere e apprezzare il Servizio Civile Universale(SCU). 

Articolo precedenteL’11 settembre 2022 torna il Palio di Bomarzo
Articolo successivoSequestro ombrelloni a Montalto di Castro, Rienzi (Codacons): “Solo fumo negli occhi”