Continua inarrestabile la corsa verso l’olimpo della narrativa della scrittrice Viterbese, Roberta Mezzabarba con il suo primo romanzo, La lunga ombra di un sogno.

Dopo la vittoria, nello scorso ottobre, con menzione di merito del prestigioso Premio Letterario Internazionale Il Convivio 2018 a Catania, la scorsa settimana ha portato a casa un 3° posto al Premio Letterario Nazionale “Residenze Gregoriane” a Tivoli.

Questa la motivazione che la giuria ha fatto seguire all’assegnazione del premio:

Storia di determinazione e coraggio, dal lessico immedesimante, fluido, diretto, accurato nell’approccio descrittivo, con un’attenzione al tema del soggetto letterario che si mantiene alta per l’intero svolgersi dell’opera, il romanzo, La lunga ombra di un sogno, della eccellente Autrice Roberta Mezzabarba, trascina con estremo coinvolgimento all’interno dei fatti raccontati. Nello specifico la vita della protagonista -Greta-, che si muove tra la Tuscia e la Sicilia degli anni ’70, nella propria erratica e personale ricerca di chiusura del cerchio, quella ricerca -a ragione definita universale- che porta ognuno di noi nella vita a lottare, a liberarci dai nostri irrisolti problemi solo quando ne raggiungiamo caparbiamente la soluzione a qualunque costo. Soluzione quasi sempre trovata all’origine -e tornando alle nostre origini- come bene ci indica e suggerisce la scrittrice”.

E’ notizia di qualche minuto fa che la Mezzabarba sempre con il suo primo romanzo La lunga umbra di un sogno si è piazzata fra i finalisti di un altro prestigioso premio letterario VERSUSULMONA ed il 23 febbraio, durante la cerimonia di premiazione la viterbese scoprirà il suo piazzamento sul podio.

La scrittrice ci confessa non senza un velo di emozione “Sono veramente stupefatta ed estremamente felice di tutto quanto sta succedendo. Come spesso dico per concludere le presentazioni dei miei romanzi, i sogni si realizzano, basta crederci fino all’impossibile!

Intanto continuano le presentazioni del romanzo, oggi mercoledì 30 gennaio alle 16,00 presso il Centro Polivalente Sacrario a Viterbo e sabato prossimo, 2 febbraio alle 16 a Bolsena presso il Teatro Cavour dove sarà accompagnata dal pianista Tommaso Dottarelli e dal moderatore Luciano Dottarelli Presidente del Club UNESCO Viterbo Tuscia.

Una bella soddisfazione per Roberta Mezzabarba e per tutto il Viterbese.