PROVINCIA – Cinque i paesi della Tuscia attraversati dal 98° Giro d’Italia, in ordine: Montalto, Tuscania, Vetralla, Capranica e Sutri. “La corsa più dura del mondo nel paese più bello del mondo”. Nella giornata odierna, due le regioni attraversate, Toscana e Lazio per i corridori che hanno preso il via da Grosseto in direzione Fiuggi, ben 264 km per la tappa più lunga dell’annuale ed attesissima corsa rosa dove spettacolo, sport ed emozioni sono indiscussi protagonisti di giornata.

 

Il vento ha allungato un poco il percorso, facendo tardare di qualche minuto il transito dei ciclisti. A Sutri ad attendere i coloratissimi mezzi della Carovana del Giro d’Italia, giunti intorno alle ore 11:45 con gadget, musica ed un coinvolgente spettacolo per grandi e bambini, presenti le Autorità del posto il Sindaco Guido Cianti e l’Assessore allo Sport Raimondo Zucchi, entusiasti del transito del Giro d’Italia, tornato a far visita a Sutri dopo circa quarant’anni di assenza, proprio sulle stesse strade percorse all’epoca dal campionissimo italiano Fausto Coppi. Il Comune dell’antichissima cittadina tufacea del Lazio ha voluto omaggiare il transito, donando all’organizzazione un manufatto in terracotta, realizzato dall’artigianato locale, recante la figura del “Pellegrino” simbolo della Via Francigena, parte della rete di vie che, nell’epoca medioevale conduceva i devoti alle tre principali mete religiose cristiane: Santiago de Compostela, Roma e Gerusalemme.

 

Nei pressi dell’antichissimo anfiteatro romano, due ali di folla trepidanti hanno incitato dapprima il passaggio dei quattro fuggitivi di giornata, fino ad acclamare poi il transito del gruppo giunto intorno alle 14:30 con otto minuti di distacco, capeggiato dagli uomini della Saxo Tinkoff schierati a tirare il plotone, proteggendo la maglia rosa Alberto Contador presente e concentratissimo nelle primissime posizioni. Il giro ha poi proseguito la tappa passando per Campagnano e concludendosi in volata a Fiuggi con la vittoria dell’italiano Diego Ulissi della Lampre.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email