Lacrime di gioia per  i giocatori della Viterbese  per la salvezza raggiunta e lacrime di dolore dei giocatori della Fermana per la retrocessione. Il bottino per i giocatori del presidente Romano poteva essere più ampio ma probabilmente l’emozione non ha permesso di insaccare altre tre belle occasioni.  

La  Viterbese, con un pubblico che non si vedeva da tempo, battendo per 2-0 la Fermana, ha conquistato  la salvezza; determinazione, voglia di vincere  e tanto cuore hanno permesso il positivo risultato.

Già ai primi tochi di palla dopo il fischio di inizio si è capito che i giocatori di Dal Canto volevano vincere e al 2′ viene subito costruita la prima occasione, sponda di Polidori per Volpicelli che dal limite calcia a giro col sinistro ma manda alto.

Al 4° minuto i giocatori portacolori della città dei Papi ci  riprovano con una bella verticalizzazione di Calcagni per Polidori che entra in area e calcia col mancino, Urbinati sporca la conclusione in angolo.

Si sentiva aria di goal, al  6′ Polidori  con la palla al piede corre verso la porta avversaria ma Ginestra lo stende con un fallo in area, l’arbitro Longo non ha esitazioni e concede il penalty.

Volpicelli trasforma portando avanti la Viterbese. Al 33′ mister Baldassarri inserisce Spedalieri per Sperotto ma senza cambiare assetto tattico. La Fermana si rende pericolosa al 38′ con Pannitteri ma la difesa gialloblù sventa la minaccia.

Il primo tempo termina con la squadra di Dal Canto avanti 1-0. La ripresa inizia senza novità di formazioni. Al 50′ azione personale sulla destra di Pannitteri che entra in area, sterza sul mancino e calcia sul primo palo, Fumagalli attento blocca.

Al 56, sugli sviluppi di calcio d’angolo Megelaitis raccoglie una respinta della difesa e ci prova col destro dal limite, palla alta.

Al 60′ primo cambio per Dal Canto, dentro Ricci per Adopo e gialloblù che passano al 3-5-2.

Al 64′ la Viterbese raddoppia. Assist di Semenzato per Mungo che dall’interno dell’area fa partire un gran destro che si stampa sulla traversa, a rimorchio arriva Urso che a porta vuota firma il raddoppio.

Al 77′ cross di Urso per Polidori che fa la sponda per Calcagni, destro dal limite largo. All’83 Viterbese ad un passo dal tris con Polidori che raccoglie una respinta di testa di Ginestra fuori area e tenta la conclusione dalla distanza, palla altra di un soffio.

All’89 è Volpicelli ad andare ad un passo dal 3-0 ma la sua conclusione ravvicinata viene prima deviata da Ginestra e poi salvata sulla linea da Spedalieri. L’arbitro concede 6′ di recupero ma il risultato non cambia, la Viterbese vince 2-0.

Al triplice fischio esplode la gioia del popolo gialloblù che nella prossima stagione sarà ancora ai nastri di partenza del campionato di Lega Pro.

Articolo precedenteCOVID, Asl Viterbo: 111 nuovi casi
Articolo successivoI settantenni di Sipicciano s’incontrano