Il sindaco di Sutri con la sua maggioranza e con il sostegno dell’opposizione, che si è espressa con un eloquente comunicato di Lillo Di Mauro, ritiene necessario rivolgersi all’autorità giudiziaria, alla persona del procuratore capo di Viterbo, Auriemma, e al Prefetto di Viterbo per denunciare la pioggia di lettere anonime e di minacce con insulti e insinuazioni irriferibili, per inquinare la vita democratica della città di Sutri diffamando il sindaco e i suoi assessori e coinvolgendo nell’infamia figure rappresentative come il pittore Roberto Ferri, il funzionario regionale Roberto Corzani, e il prof. Emmanuele Emanuele.

Proprio da persone che hanno più contribuito a animare e rianimare la città, con iniziative che l’hanno portata a essere la quinta delle 19 città italiane indicate tra quelle da visitare nel 2019 secondo l’indicatore di Skyscanner.

La lista è aperta da Matera, capitale europea della cultura 2019. Questo risultato che da solo risponde alle menzogne e infamie dei responsabili delle lettere anonime, è stata ottenuto grazie alla determinazione del sindaco e della sua amministrazione, e al costante impegno del prof. Emanuele con la Fondazione Roma e la Fondazione Terzo Piano – Internazionale.

Il suo impegno, il contributo per le iniziative culturali e teatrali, il suo stabile impegno per le mostre del museo di Palazzo Doebbing, che entreranno nella loro seconda stagione a partire dal 21 marzo 2019, hanno fatto definire Sutri “la vostra tappa del cuore” da Skyscanner.

Proprio il punto di maggiore intesa e collaborazione fra il sindaco Sgarbi e il presidente Emanuele, l’apertura del museo di Palazzo Doebbing, è indicata nella lusinghiera classifica fra gli eventi e road trip. Il sindaco mentre rinnova le sue considerazioni e i suoi ringraziamenti nei confronti di Emmanuele Emanuele riscontra che l’ opposizione riconosce l’importanza di questo accordo potenziato e rinnovato dal sindaco anche con l’ attribuzione della cittadinanza onoraria a Emmanuele Emanuele.

Il professore Emanuele è stato sostenuto con convinzione e proclamata solidarietà, non compiutamente estesa anche al sindaco che è stato vituperato e offeso con maggiore insistenza. Nell’augurarsi che le minacce abbiamo termine e che siano in egual misura stigmatizzate dall’opposizione, il sindaco procederà agli atti conseguenti, chiedendo nella prossima seduta pubblica solidarietà dal consiglio comunale.