«Accostare il marchigiano Giovanni Allevi al conterraneo  Giacomo Leopardi non è irriverente. Se l’Infinito del genio di Recanati scruta gli immaginari oltre la siepe, – scrive Vincenzo Ceniti – l’Infinito  del genio di Ascoli Piceno, altrettanto seducente, si misura con…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteFaleria, il 5 Gennaio “La Pastorella ed … un salto nel passato”
Articolo successivoVitorchiano, il sindaco: “Ecco i frutti di tre anni di lavoro. Ora continuiamo a crescere”