In preparazione del 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’Istituto Paolo Savi ha ospitato la ASL di Viterbo che ha incontrato le studentesse e gli studenti delle classi terze.

Le dottoresse Nicoletta Salvatori direttore del servizio sociale, Antonella Marsiglioni coordinatrice del distretto di Viterbo, Linda Morini coordinatrice della neuropsichiatria infantile, Claudia Mostarda assistente sociale, hanno presentato l’iniziativa e proposto la visione di tre filmati che hanno costituito spunto di riflessione per stimolare e sensibilizzare i giovani sulla tematica della violenza contro le donne.

Il monologo di Paola Cortellesi al premio David di Donatello del 2018, il monologo sulla violenza di genere “Laura e Paola” e “Piccole cose di valore non quantificabili-pari opportunità” di Paolo Genovese e Luca Maniero, hanno interessato i partecipanti, coinvolgendoli nel profondo della loro personalità.

L’obiettivo è quello di celebrare attivamente la giornata del 25 novembre, con l’espressione, da parte di ragazze e ragazzi, delle proprie emozioni, attraverso produzioni grafiche, pittoriche, video, foto e altri tipi di elaborato su cui confrontarsi successivamente con docenti ed operatori.

L’attività ha costituito un importante momento educativo per gli studenti del Paolo Savi che nei prossimi giorni incontreranno, sulla stessa tematica, anche gli agenti della Squadra Mobile di Viterbo.

Afferma la dirigente scolastica Paola Bugiotti: “La scuola, nell’ambito delle azioni di educazione civica e di educazione alla legalità, ha il dovere di sensibilizzare i giovani verso problematiche così attuali, in un’ottica di prevenzione e come Istituto siamo lieti di ospitare questo tipo di iniziative, così importanti per la formazione delle future generazioni”.

Articolo precedenteSabato Orte e i suoi preziosi tesori a “Paese che Vai”
Articolo successivoASL Viterbo, una settimana dedicata all’ipofisi