Antonella Sberna

«Apprendo a mezzo stampa – comunica Antonella Sberna, Assessore ai servizi sociali di Viterbo – la notizia circa l’organizzazione con il coinvolgimento di centri sociali polivalenti comunali di un pranzo elettorale a sostegno di un candidato alle primarie del Partito Democratico.

Se le cose fossero andate come riportato nell’articolo sarebbe molto grave. In risposta alla nota della consigliera Martina Minchella mi preme comunicare che l’Assessorato non era a conoscenza di tale pranzo né, tantomeno, può aver autorizzato in tutto o in parte tale iniziativa.

Inoltre, a tutela di coloro che hanno denunciato il fatto e che anche in questi giorni hanno chiesto chiarimenti all’assessorato, ho già scritto agli uffici del Settore politiche sociali affinché procedano ad un approfondimento nel merito e, se necessario, con un’indagine interna convocando i presidenti dei centri per verbalizzare cosa sia realmente accaduto.

Partecipare a un pranzo dal taglio politico-elettorale realizzato, come da locandina ufficiale, ”in collaborazione con i centri anziani San Carlo di Pianoscarano, La Pila, Il Pilastro, Cna Pensionati, Centro Carramusa” oltre, pare, a un altro centro comunale di una frazione di Viterbo e fare propaganda a un candidato alle primarie di un qualsiasi partito sarebbe davvero fuori luogo e non in linea con le finalità sociali che i presidenti dei centri sono tenuti responsabilmente a rispettare.

A tal proposito, prendo atto della presa di distanze da parte del centro “Il Pilastro” che, con una nota chiarificatrice del Presidente Luciano Barozzi, esprime la totale estraneità del centro e di alcuni degli associati che, indotti in errore dalla locandina dell’evento, ne avrebbero preso parte. In questa fase non intendo aggiungere altro. Voglio prima appurare fatti e responsabilità».

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email