VITERBO – Con la prolusione del Prefetto di Viterbo. Dott.ssa Antonella Scolamiero, che ha saputo magistralmente, ma anche efficacemente, far conoscere “Il ruolo e le funzioni del Prefetto”, si è aperta la Sessione primaverile dell’Università Lions dell’Età Libera (UEL) giunta al suo 29° anno di attività ininterrotta.

 

A dare il benvenuto al Prefetto ed ai numerosissimi presenti in aula la Prof.ssa Franca Orlandini, Presidente del Lions Club Viterbo, che ha sottolineato – come la UEL sia diventata, in tutti questi anni, un punto di riferimento della città e come essa, accanto agli aspetti culturali, propri del “service”, sintetizzi quello che per molti è diventato anche un appuntamento dove amicizia, solidarietà e spiccato senso di socializzazione, aiutano a ritrovare la profonda gioia del vivere insieme-.

 

Proprio facendo riferimento ai tempi difficili che stiamo vivendo, tempi di forte contrazione delle risorse, può sembrare velleitario che una realtà come il Lions Club viterbese continui ad impiegare risorse ed energie per organizzare un service come l’Università dell’Età Libera.
La ragione di tanta tenacia riposa nella convinzione che anima i soci stessi del Club e che si basa sui principi fondanti di…. educare alla bellezza del mondo, di prendere attivo interesse al bene civico, culturale, sociale e morale della comunità… mirando sempre a costruire… un’esperienza collettiva di cittadinanza partecipe e consapevole.

 

In un ambiente sempre accogliente, messo a disposizione del Club dai Padri Giuseppini della Parrocchia di S. Leonardo Murialdo, gli oltre 150 iscritti si ritroveranno a godere, fino a metà giugno, di un programma ampio ed interessante che spazia dalle tematiche della Giustizia a quelle della Storia, dalla Letteratura, sia Italiana che Greca, alla Filosofia, dalla Musica alle Scienze ed alla Religione; un programma che, dopo averli fatti viaggiare virtualmente attraverso la Turchia Armena, il Vietnam, la Normandia e la Bretagna, li porta a visitare, accompagnati da guide esperte, luoghi particolarmente interessanti come Arezzo, città di Piero della Francesca, come Amelia e Narni, sedi di Teatri gioiello, come Roma, con il suo Palazzo del Quirinale e, infine, come Bagnaia dove, nella sua Villa Lante, l’instancabile Rettore, Dott. Aulo Brutti ed il suo Segretario, Dott. Paolo Scipio, chiuderanno anche questo anno “fantastico” per darsi nuovamente appuntamento al prossimo ottobre con la storica ricorrenza del 30° Anniversario di questa “nostra” Università.

 

SAM_1910

Commenta con il tuo account Facebook