VITERBO – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Viterbo hanno portato a termine una brillante operazione di servizio nell’ambito della lotta alla criminalità predatoria.

 

In particolare hanno messo fine alla brillante carriera di un truffatore seriale di Roma che da anni imperversava in tutto il centro Italia. L’uomo, un 51nne, gravato da numerosi precedenti penali, usava vestire in giacca e cravatta e spostarsi con la sua valigetta 24 ore. In modo particolare si recava nei negozi di elettrodomestici e con documenti d’identità, buste paga e tessere sanitarie intestate ad altre persone acquistava elettrodomestici di grosse dimensioni attivando finanziamenti, a nome dei malcapitati, che in futuro non sarebbero mai stati pagati.

 

Questa volta le cose non sono andate come avrebbe voluto e i Carabinieri sono stati chiamati da un rivenditore per l’atteggiamento spavaldo dell’uomo che, a Viterbo, stava acquistando due condizionatori d’aria per un totale di 1.400,00 euro. All’arrivo dei Carabinieri l’uomo non ha potuto far altro che ammettere il suo intento e dichiarare che il documento d’identità presentato, lo statino paga e la tessera sanitaria non erano suoi. Grosso è stato lo stupore dei militari quando, nel perquisire l’uomo, hanno rinvenuto altri documenti nella valigetta e altri statini paga con tessere sanitarie, inoltre c’era un taccuino con l’indicazione di decine e decine di negozi del centro Italia truffati o che sarebbero stati oggetto di future visite con lo stesso “modus operandi”.

 

L’uomo è stato tratto in arresto per sostituzione di persona e tentata truffa e trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo che sarà celebrato in mattinata odierna. Sono in corso da parte della Compagnia di Viterbo, gli accertamenti per verificare ulteriori truffe perpetrate, in modo da sommare le contestazioni durante un futuro processo.

Commenta con il tuo account Facebook