GRADOLI – Ennesima brutta storia legata a violenza tra le mura domestiche. A Gradoli i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto un cittadino macedone 38nne per maltrattamenti in famiglia e lesioni.

 

L’uomo, che già in passato si era reso responsabile di maltrattamenti nei confronti della moglie 36nne anch’ella macedone, ieri a seguito di una ennesima lite verbale è passato di nuovo alle mani iniziando a colpire con pugni schiaffi e calci la donna.

 

A questo punto, udite le urla, i vicini, preoccupati, hanno chiamato i Carabinieri che in pochissimo tempo sono giunti sul posto. All’arrivo dei militari la donna portava in volto, evidenti, i segni delle percosse e ha dichiarato di voler denunciare il marito per le percosse e per il clima di terrore creatosi in famiglia.

 

Alla luce di ciò i militari hanno dichiarato in stato di arresto l’uomo e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, lo hanno tradotto presso la casa Circondariale di Viterbo. La donna è stata medicata presso l’Ospedale di Acquapendente con otto giorni di prognosi.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email