FARNESE – “Farnese compie un altro passo in avanti nell’opposizione ai progetti di geotermia speculativa. All’inizio e alla fine del paese sono infatti appena apparsi due banner di tre metri con su stampato “No alla geotermia, difendiamo il nostro territorio”.
L’idea nasce dal locale comitato “Farnese, ambiente, salute e territorio”. Un segnale, quello voluto dalla squadra, che da un lato tende la mano alla popolazione tutta, dall’altro pone un segno indelebile sulla programmazione futura del borgo e sulle sue volontà.

“Ringraziamo l’amministrazione comunale per il supporto – spiega il Comitato – Volevamo sensibilizzare i concittadini con un atto dimostrativo deciso. E abbiamo potuto farlo grazie al rinnovato impegno del sindaco Biagini e dei suoi collaboratori, che hanno subito condiviso con noi il progetto”.

Sempre il Comitato: “Invitiamo i comuni limitrofi a fare altrettanto, e confidiamo che i sindaci del Coordinamento possano operare in tale prospettiva. È fondamentale che i nostri paesi presentino a prima vista la contrarietà a tali pessime pratiche speculative”.

I banner sono stati affissi sabato scorso in concomitanza con un’assemblea pubblica coordinata dalla Rete Nogesi, ad Ischia di Castro, nelle sale dell’Auditorium comunale.

Diversi attivisti provenienti dall’Amiata, dove proprio la geotermia rappresenta un grave e storico problema, hanno sviscerato dati, consigliato i presenti, e stimolato un dibattito interessantissimo.

“La moratoria regionale che stoppava i progetti geotermici per sei mesi è scaduta il 16 febbraio scorso – ha illustrato Vittorio Fagioli della Rete – ciò vuol dire che la geotermia torna ad essere il problema concreto del territorio. Le società si rimetteranno in marcia sia su Ischia che su Farnese e Latera, per un totale di quattro centrali e numerosi scavi. Siamo di nuovo in guerra”.

Chiusura del Comitato: “Auspichiamo che la Regione proroghi, come richiesto, la sospensione ai lavori. In un momento così delicato, per via delle molteplici elezioni e per la discussione in Parlamento europeo di una legge che stabilisca limiti e contributi al comparto geotermico, sarebbe opportuno che per il semplice principio di precauzione non si muovesse nulla. Ringraziamo per l’ospitalità il primo cittadino di Ischia, Salvatore Serra. Un plauso lo giriamo anche ai relatori della conferenza, dottor Landi, geologo Borgia e Fagioli, nonché ai partecipanti all’assemblea. Rimaniamo a disposizione di chiunque volesse affiancarci o di chi gradisse ricevere informazioni più approfondite”.

Comitato Farnese
Ambiente, salute e territorio

Commenta con il tuo account Facebook