«Ed è cosi, – comunica Quinto Mazzoni, Consigliere Comunale di Montalto di Castro – che ritorno a scrivere perché l’Amministrazione, cieca di fronte a scenari pericolosi, prenda coscienza di quanto è impossibile non vedere!».

«I lavori in corso di chi ci governa – prosegue Quinto Mazzoni – riguardano le scelte in merito a nuove adesioni politiche, si studia come cambiare corrente o partito, cercando di salire sul carro vincente, o come tenere in piedi la maggioranza.

Tuttavia, basta percorrere le vie del centro storico per accorgerci che lo stato trasandato della ex biblioteca comunale sia un rischio grave per tutti: i balconi cadono a pezzi, con il pericolo imminente di distacco di calcinacci importanti, così che, per esempio, il semplice accompagnare un caro defunto, nel suo ultimo viaggio, potrebbe essere fatale (essendo un luogo di passaggio obbligato).

La vegetazione, poco curata, si riversa sulla carreggiata, lungo la strada che porta alla Marina di Montalto, dove le auto sono costrette ad invadere la corsia opposta per superare il tratto non percorribile, mentre, a Pescia, lo stesso problema obbliga i pedoni a scendere dal Marciapiedi, invadendo la carreggiata con il rischio di essere investiti.

Il lungomare della Marina resta sempre la perla del nostro paese, le rotture del mattonato della passeggiata, infatti, sono continue e sempre più numerose, tanto che non c’è un tratto dove non si possano notare mattonelle saltate, e questo sta accadendo anche con i rivestimenti dei muretti di cinta della spiaggia. I rattoppi sono talmente tanti che abbiamo finito le mattonelle colorate e ora, in alcuni punti, l’alternanza cromatica lascia grandi spazi bianchi, mentre, in continuazione, si rischia di tagliarsi con i detriti ed inciampare nelle buche.

Le numerose transenne che tappezzano Pescia Romana, i suoi borghi e le strade principali, creano più confusione che risolvere i problemi di viabilità.

Ricordo, infine, le mie precedenti, innumerevoli, segnalazioni in merito al ponte di legno, unico collegamento pedonale della periferia al centro, e, soprattutto, dopo i fatti di Genova, mi chiedo quando il Sindaco e l’ Assessore ai Lavori Pubblici, interverranno con la messa in sicurezza, in favore dei cittadini costretti ad attraversare o un ponte pericolante, e senza protezioni, o una strada ad alto traffico priva di strisce pedonali necessarie, con il rischio di essere investiti».

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email