“In questi giorni di caldo torrido  l’amministrazione comunale forse  intende portare refrigerio alla   popolazione organizzando  cene e spettacoli musicali, che per il periodo estivo possono anche andare bene …. ma gli anziani per esempio? Avranno refrigerio anche loro da queste lodevoli  iniziative?  

Vorrei – osserva Carlo Angeletti, Ex Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Civita Castellana, – focalizzare  quindi l’attenzione proprio sugli anziani, su  questa classe sociale, che per la prima volta  nella storia del Comune di Civita Castellana, dopo il periodo contrassegnato  dalla pandemia, non ha partecipato ai  consueti annuali soggiorni marini estivi comunali, perché l’esecutivo  pro-tempore, trova fondi per le cene, ma  non si cura di fare altrettanto  per le attività estive dedicate alla  terza età.

Mi preme evidenziare che prima dell’ ennesimo  rimpasto di  giunta comunale da parte di Giampieri , erano stati attivati tutti gli iter burocratici per  l’organizzazione dei soggiorni estivi marini per anziani  e anche per i  centri  estivi per minori, che inspiegabilmente però sono rimasti al palo.

E’ vero che c’è un famoso adagio popolare che recita … “canta che te passa“, ma tutto questo mi sembra un po’ troppo”.

                                                             

Articolo precedenteCivita Castellana, al via i lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza della viabilità stradale cittadina
Articolo successivoFratelli d’Italia: “L’acqua non è un bene commerciale ma un bene comune della collettività”