Marta Bonafoni

Condivido l’appello lanciato oggi dalla CGIL FP e dalla CGIL Roma e Lazio, a proposito del modello di sanità regionale che dovrà accompagnare il passaggio dalla fase emergenziale a quella della ricostruzione.

Il Lazio ha saputo reagire con efficienza ed efficacia alla crisi pandemica, riuscendo a contenere in maniera importante il numero dei contagi e dei decessi, nonostante la complessità di un territorio con una popolazione di sei milioni di abitanti e con i flussi e gli spostamenti di una città come Roma.

Ora però è indispensabile e doveroso guardare a ciò che del sistema va migliorato, accelerando rispetto alla tabella di marcia che la giunta e la maggioranza della Pisana già si erano date: occorre potenziare il sistema sanitario territoriale, i servizi e l’integrazione socio-sanitaria, l’assistenza specialistica, domiciliare e residenziale. Per farlo occorrono visione, risorse e investimenti.

Occorre accelerare sulle assunzioni del personale sanitario così come vigilare sul trattamento economico di tutte le figure del comparto, a cominciare da quello della sanità privata in attesa da troppo tempo di un rinnovo. Possiamo in questo approfittare delle risorse e del nuovo slancio alla sanità territoriale che sono già scritti nei primi articoli del decreto “Rilancio” e imparare contemporaneamente dalla grande e dolorosa lezione che ci è arrivata dalla pandemia.

Come Regione Lazio, così come dimostrato nei mesi più duri dell’emergenza, dovremo lavorare per mettere in campo tutti gli strumenti necessari per disegnare una sanità all’altezza di un futuro più giusto ed equo”.

Così in una nota la Consigliera del Lazio Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti e componente della Commissione Sanità.