Stop forzato Coronavirus quantomai ben accetto Polisportiva Vigor Acquapendente. Tanto per recuperare la condizione fisico-atletica dei principali atleti quanto per avviare sessioni di allenamento complete in vista di una rincorsa play-off complicata ma matematicamente non impossibile (nove gare da disputare, diciotto punti in palio, sette da recuperare dal terzo posto).

Settimo posto in classifica in perfetta linea con gli obiettivi di una Società che ad inizio stagione si poneva come obiettivo principale l’alta classifica ma non sicuramente l’imperativo improrogabile-Eccellenza. Il progetto coach Davide e Paolis ha cui ha contribuito in piccola parte anche Stefano Broccatelli (un punto in due giornate), ha permesso la realizzazione di 42 punti in 25 partite.

Frutto di 12 vittorie (percentuale di 48% sul totale), 6 pareggi (24% sul totale) e 7 sconfitte (28% sul totale). 39 reti realizzate e 24 subite per un saldo positivo di +15. Capocannoniere con 13 reti Ayoub Zhar (immortalato qui a fianco del Direttore Sportivo Giuseppe Olimpieri). Segue Francois Kabangu con 7. A quota 4 Alessio Bedini e Matteo Fanelli. A quota 3 Simone Provinciali. A quota 2 Simone Broccatelli ed Andrea Filoni. A quota 1 Maico Colonnelli, Alessandro D’Aprile, Roberto Gimmelli, Cristian Renzi.