«In riferimento agli articoli pubblicati a firma del segretario della Uil-Fpl Lucio Corbucci in cui si parla di una presunta “protesta in via da parte della polizia locale”: i sottoelencati operatori della polizia locale intendono smentire quanto pubblicato precisando quanto segue:

Gli appartenenti al Corpo (e non vigili urbani così indicati dal Corbucci nei citati articoli in base a una definizione obsoleta ed eliminata già dalla legge-quadro della polizia municipale varata nel 1968), non hanno mai avvertito il clima di incertezza e paura a cui fa riferimento Corbucci nei comunicati inviati alla stampa, e le problematiche a cui si riferisce non sono di certo emerse con la nuova amministrazione e tanto meno a causa della nuova dirigenza.

La rilevazione degli incidenti stradali sull’intero territorio comunale e nell’arco delle 24 ore (già stabilito da norme statali e recentemente oggetto di una disposizione a firma del prefetto di Viterbo) ha sicuramente provocato perplessità soprattutto nel personale addetto ai servizi esterni (che non risulta sia rappresentato dalla Uil se non per una bassissima percentuale), ma è sicuramente un atto legittimo che dovrà comunque essere oggetto di confronto tra prefetto, sindaco, assessore alla polizia locale e dirigente della polizia locale, a cui il personale rinnova la propria stima e fiducia.

La destabilizzazione, le preoccupazioni e le paure indicate dal Corbucci probabilmente percepite da alcuni colleghi, non appartengono alla maggioranza del personale che si dissocia da quanto dichiarato e diffida il rappresentante Uil a pubblicare con qualsiasi mezzo ed a nome di un intero Corpo, posizioni e problematiche non condivise. Si vuole rammentare al Corbucci che pubblicare comunicati a nome di un intero Corpo la cui maggioranza non è stata nemmeno informata, può far pensare che si rappresentino solo interessi “particolari” di poche unità e si rischia di non fare una bella figura anche sotto il profilo dell’etica sindacale.

In ultimo auspichiamo che sia l’assessore Nunzi che il nuovo dirigente dr. Vinciotti, continuino a garantire la loro presenza costante e il loro impegno al fine di migliorare una situazione disastrosa che si protrae ormai da anni, a cui con forza gridiamo: Basta!!!».

Massimo Bertini, Paola Leonini, Roberto Rompietti, Roberto Scappini, Maurizio Rizzo, Niccolò Caldarola, Giorgio Mazzi, Stefano Rossetti, Silvia Pinzaferri, Arianna Bertollini, Giada Lena, Maurizio Scardozzi, Franco Mecarini, Alberto Caminada, Romina Delle Cese, Ilaria Teleria, Mauro Plantera, Vincenzo Piergentili, Luana Brachino, Roberta Vecchioni, Sergio Burocchi, Andrea Carapellotti, Giovanna Todini, Giampietro Cento, Antonio Vecchiarino, Tania De Santis, Luigina Artemi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email