Tarquinia Insieme, uno dei punti programmatici con Martina Tosoni sindaco: “Il piano strategico per il lido”

La programmazione e la pianificazione strategica per lo sviluppo del territorio sono due tematiche su cui Tarquinia Insieme, forza civica che sostiene la candidatura a Sindaco di Martina Tosoni, vuole porre la principale attenzione per proporre un progetto concreto, credibile e soprattutto efficace finalizzato al miglioramento della qualità della condizione economica, sociale e culturale del territorio della città di Tarquinia.

Il concetto fondamentale è che a livello locale occorre saper analizzare il proprio territorio, capire le sue esigenze e selezionare le priorità di intervento sostenibili in una visione globale, sia nel breve ma soprattutto nel lungo termine, garantendo la costruzione di una visione condivisa e realizzando un percorso che tenga conto dell’interesse generale della comunità di riferimento, nonché dei nuclei che compongono quelle stesse comunità, entrando così nel particolare ed analizzare anch’esso.

Proprio riguardo al Lido che ultimamente è stato al centro di forti discussioni civiche e politiche per il taglio massivo dei pini di viale Mediterraneo, evitando di scendere in ulteriori polemiche e lasciando alle autorità competenti l’attribuzione di eventuali responsabilità, crediamo che si debba cogliere l’occasione per porre l’attenzione su argomenti prioritari per la nostra località balneare che costituisce una delle principali risorse economiche e turistiche della città, un patrimonio anch’esso unico che ha bisogno di essere tutelato, valorizzato, sviluppato attraverso una seria e coordinata progettazione.

Il piano strategico è, dunque, lo strumento fondamentale che può favorire sia la cooperazione degli attori locali per lo sviluppo e attuare un percorso di pianificazione efficace, che non sia una semplice agenda di progetti o un libro dei sogni, ma l’esito di un vero percorso di ripensamento e di rilancio della località balneare, spiegata e condivisa con i residenti, gli imprenditori, gli operatori, le associazioni, la comunità.

Crediamo che soprattutto gli operatori balneari attualmente bloccati dal rinnovo delle concessioni, abbiano bisogno di capire insieme le priorità di intervento in una visione globale, sia nel breve ma soprattutto nel lungo termine, garantendo la costruzione di una visione condivisa e realizzando un percorso che tenga conto dei problemi, dell’interesse generale della comunità di riferimento.

Siamo certi che il modello di una Tarquinia Lido riprogettata nel suo insieme, cooperando con i soggetti principali, possa finalmente far compiere un passo in avanti e uno sforzo comune in termini di pianificazione e programmazione a lungo termine rispetto alle problematiche attuali come ad esempio la carenza dei servizi, la riqualificazione, la tutela dell’ambiente, Porto Cementino, il Borgo delle Saline, la nuova raccolta rifiuti, la destagionalizzazione, il mercato, le concessioni balneari, il piano regolatore, il piano degli arenili, e non per ultimo il Porto turistico.

Un piano strategico che grazie ad una visione globale possa rilanciare l’economia della località balneare attraendo investimenti, aumentando e qualificando l’offerta.

Tarquinia Insieme si rende dunque disponibile ad aprire un tavolo di confronto con le varie associazioni, comitati e movimenti interessati a partecipare per costruire insieme il nuovo piano strategico di Tarquinia Lido.